Piatti tipici di Padova: cosa e dove mangiare a Padova

bigoli-souvenirdiviaggio

Da qualche tempo mi sono trasferita a Padova e, ovviamente, non potevo che provare i piatti veneti proposti dal territorio. Qui si mangia bene e sostanzioso, te lo posso assicurare! Il Veneto vanta una produzione agricola di alto livello tutto l’anno: fertilità del terreno e clima favorevole rendono i prodotti della terra e i loro derivati veramente ottimi.
Tra le molteplici osterie antiche, ristoranti e trattorie moderne è difficile scegliere un posto dove mangiare bene, spendendo il giusto. Per questo, in questo post, voglio indicarti i piatti tipici di Padova e i migliori ristoranti in cui provare la tradizionale cucina padovana. Buon appetito! 😉

I Bigoli

bigoli sarde-padova-souvenirdiviaggio
Bigoli sarde e capperi

I bigoli, un piatto tipico del Veneto ideato a Padova, sono un tipo di pasta fresca lunga simile agli spaghetti ma spessi (diametro di 2 -3 mm).
La pietanza proviene dalla cucina contadina e in passato, dopo averli realizzati, venivano essiccati su canne di bambù chiamate perteghe.
A Monterosso (Abano Terme) ogni anno, a fine agosto, si svolge la Sagra dei “Bigoli di Monterosso, durante la quale, seguendo un rito tradizionale ben preciso, si realizza questa pasta gustosa la cui caratteristica peculiare è quella di essere più ruvida e spessa.
Anche se può essere condita in vari modi, io ho l’ho preferita in una versione molto diffusa a Padova, ovvero i bigoli con sarde e capperi. Molto saporiti!

Tagliatelle Radicchio e Pancetta

tagliatelle speck e radicchio-padova-souvenirdiviaggio
Tagliatelle radicchio, pancetta e taleggio

Il radicchio trevigiano, la cui varietà è famosa a Padova e in tutto il Veneto, è un prodotto a cui gli abitanti di queste terre sono molto legati, tanto da ritrovarlo in numerosissime ricette. Ad esempio io ho provato le tagliatelle con radicchio, pancetta e taleggio, però è il risotto quello che lo ha elevato dalla condizione di semplice ingrediente per le insalate.

Paccheri al Ragù d’Anatra

paccheri al ragù d'anatra-padova-souvenirdiviaggio
Paccheri al ragù d’anatra

Ecco un’altra pietanza della tradizione veneta: il sugo d’anatra. L’allevamento di questo e di altri animali da cortile è un’attività che ha origine antiche, anche perché in Italia era la Pianura Padana l’area di maggiore concentrazione dell’allevamento dell’anatra. Nel Padovano l’anatra è diventata una importante fonte di sostentamento e, ancora oggi, la sua carne arricchisce numerose ricette.
Si può cucinare sia come secondo piatto, sia come condimento di primi piatti sotto forma di sugo e di brodo.
Ho assaggiato i paccheri al ragù d’anatra e devo dire che sono buoni, un sughetto molto delicato. Da provare!

Baccalà alla Padovana

baccalà alla veneta-souvenirdiviaggio
Baccalà con polenta

Il baccalà è uno dei pesci più utilizzati nella cucina veneta, grazie al mercante veneziano Pietro Querini che lo importò al tempo della Serenissima Repubblica di Venezia dalle Isole Lofoten.
Lo troverai fatto in qualsiasi modo in base alla città, difatti esiste il baccalà alla vicentina, infarinato e cotto a fuoco lento con tanta cipolla, ricoperto di latte e olio, accompagnato da polenta gialla. Oppure il baccalà mantecato alla veneziana con crema di baccalà e olio, servito con crostini di pane o polenta bianca.
Quello di Padova si chiama baccalà alla capuccina o alla padovana ed è preparato con acciughe, uvetta, pinoli, cannella e alloro.
A parte le ricette specifiche, è l’estro dello chef a fare la differenza, poiché potrai trovare il baccalà in diversi altri modi: in umido, in insalata o fritto sono solo alcune delle possibili versioni, ce n’è per tutti i gusti!

La Gallina Padovana

Gallina-Padovana-souvenirdiviaggio
Gallina padovana

Questo animale è un fiore all’occhiello della cucina padovana. La gallina padovana, leggera ed elegante, è inconfondibile per il caratteristico ciuffo, perché produce una buona quantità di uova e fornisce un ottima carne. E’ originaria di Polverara, un comune in provincia di Padova, che le dedica una fiera apposita all’inizio di dicembre.
Ovviamente sono tanti i piatti in cui viene utilizzata: si può realizzare un ottimo brodo, del sugo, si può fare il petto alla griglia, arrosto con il vino… insomma, chi più ne ha più ne metta!

Gran Bollito Misto

Gran bollito misto
Gran bollito misto

Se mi stai leggendo perchè vuoi sapere cosa mangiare a Padova sappi che ancora non è finita! Ecco un altro must che viene persino servito durante i matrimoni prima dell’arrosto: il gran bollito misto.
Affonda le sue origini nel seicento e si dice che Galileo Galilei ne fosse ghiotto. All’interno, come già il nome preannuncia, troviamo vari tagli di carne di manzo, cotechino, gallina padovana o uno dei suoi stretti parenti (oca, anatra e faraona).
Poi viene insaporito con salse di mostarda, salsa verde o cren (salsa di rafano). Non puoi che accompagnare il tutto con del buon vino rosso veneto, di cui c’è solo l’imbarazzo della scelta!

Torta Pazientina

torta pazientina-souvenirdiviaggio
Torta pazientina

Chiudo con un dolce che è una bontà unica e un piatto tipico di Padova: la torta pazientina. E’ un dolce storico che pare sia nato attorno al 1600 in un convento della città, di cui sull’origine del nome ci sono un paio di versioni.
Alcuni sostengono che derivi dal fatto che veniva data ai malati, altrimenti chiamati “pazienti”, come ricostituente, mentre per la più accreditata vede la pazienza come virtù indispensabile per preparare la ricetta di questa torta super elaborata.
Infatti, la torta pazientina è composta a più strati con una frolla di mandorle (pasta bresciana) e pan di spagna farcito con lo zabaione. Il tutto si guarnisce con tante scaglie di cioccolato.

Altri piatti tipici di Padova

Non pensare che siano solo questi i piatti della tradizione veneta più gustosi, sarebbe impossibile menzionarli tutti! Solo per ricordarne qualcuno di celebre, nel caso ti venga voglia di assaggiarli, ti suggerisco: la pasta e “fasoi” (fagioli), il pan del Santo, la fugassa, il merletto, vari risotti con i rovanassi (fegatini di pollo), asparagi o piselli, la zuppa con la verza, l’oca in Onto. Si producono anche ottimi salumi come il Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP, la sopressa, il coeghin e la luganega.

Dove mangiare a Padova

prato della valle-padova-souvenirdivaiggio
Prato della Valle, Padova

Una cosa che mi ha colpito quando ho messo piede a Padova e provincia, è scoprire le tantissime trattorie, ristoranti, osterie tipiche in cui provare i piatti tipici di Padova. Quindi ti suggerisco alcuni posti da provare a Padova, spendendo il giusto!

  • Antica Osteria dal Capo realizza piatti imperdibili come le zuppe di verdure di stagione servite in panini, lo spezzatino di asino e le carni di animali da cortile – Visualizza sulla mappa
  • Pasticceria Giotto ti consentirà di provare tutti i dolci tipici padovani, come il Pan del Santo e la Torta pazientina – Visualizza sulla mappa
  • Trattoria Al Fungo, propone specialità della casa e soprattutto a base di funghi. Non perdere i nidi di polenta con cappelle di porcini ubriache e l’ottima selezione di grappe – Visualizza sulla mappa
  • Ristorante Belle Parti, perfetto per una cena romantica, in cui puoi mangiare paccheri di gragnano con sarde, gnocchetti di patate con friggitelli arrostiti e tanto altro – Visualizza sulla mappa
  • Ristorante Pizzeria Il Bassanello, cucina tradizionale veneta, con ingredienti freschi e genuini. Da provare l’assaggio di filetti (manzo, maiale e vitello) – Visualizza sulla mappa
  • Osteria L’’anfora, innanzitutto offre una selezione di ottimi vini e la cucina è tipica veneta. Gusta la varietà di formaggi proposti, la gallina padovana e gli sfilacci di cavallo serviti con polenta bianca – Visualizza sulla mappa

Se vuoi vedere tutti i migliori ristoranti di Padova da un’occhiata qui.
E tu, hai provato qualcuno di questi piatti o hai qualcun altro da suggerirmi? Scrivilo nei commenti!

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *