Gorizia cosa vedere in un giorno

Gorizia: cosa vedere in un giorno nella “Nizza Austriaca”

La porta più bella aperta sull’Italia”. Così Gorizia è stata definita dal pittore e scultore tedesco Max Klinger per la bellezza dei suoi paesaggi, il clima mite e l’atmosfera rilassata che si respira.
Gorizia è una città con un fascino mitteleuropeo dove culture ed etnie si incontrano e mescolano, poiché situata nell’estremo lembo nordorientale d’Italia.
Infatti, ha avuto anche una storia travagliata perché da sempre città contesa al confine: fino alla Prima Guerra Mondiale apparteneva all’Impero Asburgico, poi passò all’Italia ma fu divisa alla fine della Seconda Guerra Mondiale da un muro con la parte slovena.
Questo fu abbattuto solo nel 2004 e una targa metallica in Piazza Transalpina, come vedremo dopo, ricorda quel momento.

Spesso viene eclissata da altre città friulane, prima fra tutte Trieste. Però Gorizia ha tanto da dare, e la nomina a Capitale Europea della Cultura 2025 la aiuterà a farsi scoprire e ammirare.
La città non è molto grande e si può visitare in un giorno, ma io ne consiglio almeno due per vederla con calma.
Vediamo insieme i luoghi d’interesse di Gorizia, cosa vedere e consigli utili per non perdere nulla.
Buona lettura!

Cosa vedere a Gorizia in un giorno: ecco tutti i luoghi d’interesse

Piazza della Transalpina

Targa Piazza della Transalpina-Gorizia

Targa Piazza della Transalpina, Gorizia

La prima tappa del mio viaggio è stato Piazza della Transalpina, con la famosa stazione della linea Transalpina, creata 1906 per collegare Vienna a Trieste. Attualmente i treni storici a vapore percorrono questo tratto per portare i turisti da Gorizia al Lago di Bled.
La piazza è famosa per essere divisa tra Gorizia, in Italia, e Nova Gorica in Slovenia.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale venne divisa proprio fisicamente dal cosiddetto “Muro di Gorizia”. Fu solo nel 2004, con l’ingresso della Slovenia nell’Unione Europea che il muro fu abbattuto.
Per commemorare quanto accaduto è presente oggi una targa con una linea che separa i due Stati: insomma, si può in pratica stare con un piede in Italia e uno in Slovenia nello stesso momento!

Stazione della Transalpina, Nova Gorica - Gorizia

Stazione della Transalpina, Nova Gorica – Gorizia

Nella Stazione della Transalpina oggi è allestita una sala espositiva dedicata alla storia del confine, mentre in piazza si tengono eventi e manifestazioni.
Conoscere la storia di questo confine e visitare questa “apparentemente” umile piazzetta ti da un certo effetto. Ti fa apprezzare l’Europa aperta e libera, qualcosa a cui difficilmente si pensa. Senza dubbio una delle cose da vedere a Gorizia in un giorno, non perderla!

Tips: la piazza si trova a circa 1.5 km dal centro e, quindi, se non sei un grande camminatore conviene andarci in auto e poi tornare in prossimità del centro per parcheggiare. Di parcheggi se ne trovano diversi!

Piazza della Vittoria e Chiesa di Sant’Ignazio

Fontana del Nettuno, Piazza Vittoria -Gorizia

Fontana del Nettuno, Piazza Vittoria – Gorizia

Dopo aver visitato la storica Piazza della Transalpina ho cominciato a esplorare il centro storico di Gorizia partendo da Piazza della Vittoria, cuore della città. Su questa piazza si affacciano importanti e storici edifici come la Casa Torriana, costruzione cinquecentesca, oggi sede della Prefettura.
A nord svetta la Fontana del Nettuno che ricorda un po’ quella di Bologna. La fontana è in stile barocco ed è stata realizzata nel 1756 dallo scultore goriziano Nicolò Pacassi.

Duomo di Sant'ignazio, Piazza della Vittoria - Gorizia cosa vedere

Duomo di Sant’Ignazio, Piazza della Vittoria – Gorizia

Interno, Chiesa di sant'Ignazio-Gorizia

Interni, Duomo di Sant’Ignazio, Gorizia

Il gioiello più bello che si affaccia su questa piazza è il Duomo di Sant’Ignazio. La facciata è imponente e a rendere tutto ancora più maestoso ci sono due campanili sormontati da due “cupole a cipolla” in bronzo.
Quando sono entrata all’interno sono rimasta di stucco per la bellezza delle decorazioni, le cappelle con altari barocchi ricchi di fregi, gli arredi lignei intagliati. Imperdibili, inoltre, l’altare dello scultore di Venezia Lazzarini nonché l’affresco del pulpito “La Gloria di S. Ignazio” dipinto dal Tausch, del Settecento.
Un monumento di Gorizia che consiglio vivamente di vedere, l’accesso è gratuito.

Via Rastello

Via rastello, Gorizia cosa vedere

Via Rastello, Gorizia

Da Piazza Vittoria ho imboccato Via Rastello, la via più antica della città (risale al 1300).
Si chiama così perché era chiusa da un cancello a forma di “rastrello” che di notte, in epoca medievale, separava la cittadella sorta intorno al castello dalla campagna circostante.
Per molti anni fu la via del commercio, con le numerose botteghe artigianali e negozi. Qualcuno c’è ancora oggi e, accanto a questi, sorgono anche negozi più moderni. Tuttavia, tante botteghe ormai sono chiuse e vi rimangono solo le insegne. Qui si apprezza l’amore che i friulani hanno per le biciclette!
All’inizio della strada – verso il castello e quindi dal lato opposto a Piazza Vittoria – c’è una statua di bronzo dedicata a Carlo Michelstaedter, filosofo goriziano che morì suicida a soli 23 anni, ricordato ancora oggi dopo più di 100 anni per l’eredità culturale che ha lasciato nonostante la sua giovane età.

Piazza Sant’Antonio

Piazza Sant'Antonio, Gorizia

Piazza Sant’Antonio, Gorizia

La prossima tappa tra le cose da vedere a Gorizia è Piazza Sant’Antonio, il salotto della città. Qui trovi i locali più eleganti e la piazza stessa l’ho trovata molto tranquilla, sobria ma al tempo stesso particolare.
Prima qui c’era un convento francescano e quello che ne rimane è un pozzo al centro e un arioso colonnato, facente parte dell’antico chiostro che incornicia da un lato la piazza. Dall’altro si affacciano dei palazzi come Palazzo dei Baroni Lantieri e Palazzo dei Conti di Strassoldo (oggi sede di un hotel).
In questa piazza puoi bere un aperitivo o fare una cenetta godendo del gradevole panorama!

Cattedrale di Sant’Ilario e Tiziano – Duomo di Gorizia

Cattedrale di Sant'Ilario e Tiziano, Gorizia

Cattedrale di Sant’Ilario e Tiziano, Gorizia

Un’altra imperdibile cosa da vedere a Gorizia è il Duomo di Sant’Ilario e Tiziano, patroni della città. Questo edificio, che mi ha veramente stupito, ha origini antichissime e ha subito importanti rimaneggiamenti nel corso del tempo.
La facciata è in stile neoclassico, a capanna, con incastonata una statua della Madonna. L’interno è sorprendente con i suoi stucchi e decorazioni bianche e dorate tra le quali spiccano degli angeli, gli affreschi, le statue e gli altari barocchi.
Quello che colpisce una volta all’interno è anche il fatto che ha una struttura diversa rispetto alla maggior parte delle cattedrali, con due gallerie e matronei laterali: questa chiesa ricorda a tutti gli effetti uno sfarzoso teatro dell’opera.

Organo a canne, Chiesa di Sant'Ilario, Gorizia

Organo a canne, Chiesa di Sant’Ilario e Tiziano, Gorizia

pulpito, Chiesa di Sant'Ilario e Tiziano, Gorizia

Pulpito, Chiesa di Sant’Ilario e Tiziano, Gorizia

Bellissimo il pulpito con i rilievi in marmo e l’organo a canne. Nel patrimonio artistico qui conservato sono da vedere i paramenti sacri riccamente decorati, alcuni dipinti di Tomniz e Battig, i gioielli donati da Maria Teresa d’Austria al primo arcivescovo di Gorizia.
L’ingresso è gratuito.

Borgo Castello

Panorama dal Borgo Castello, Gorizia

Dal Duomo di Gorizia ho intrapreso una lunga strada leggermente in salita che porta al Borgo Castello (ci sono circa 500 metri), una cittadina nella città. Questo è certamente il posto che mi è piaciuto di più e tra le cose da vedere a Gorizia assolutamente, perché si possono ammirare panorami mozzafiato sul capoluogo friulano e il territorio circostante! Complice poi un bel cielo azzurro, ho scattato delle foto che sembrano cartoline 😉

Porta Leopoldina, Borgo Castello - Gorizia

Porta Leopoldina, Borgo Castello – Gorizia

Molto particolare è la Porta Leopoldina del 1660, dalla quale si accede al borgo. Questa è stata costruita in onore della visita dell’imperatore Leopoldo d’Asburgo.
Il Castello con la sua splendida struttura medievale, come lo si vede oggi, è frutto di diverse modifiche nel corso del tempo effettuate dopo l’aggiunta delle torri e dei bastioni, nonché di un’accurata opera di ricostruzione della famiglia Coss.

Chiesa di santo spirito, Borgo Castello - Gorizia

Chiesa di Santo Spirito, Borgo Castello – Gorizia

Durante gli anni ebbe diversi cambi di funzione: prima era centro amministrativo, poi caserma e infine carcere.
Il castello è visitabile all’interno, ci sono delle sale, il Museo del Medioevo Goriziano ma soprattutto si può percorrere il Cammino di Ronda per osservare la splendida vista sulla città e sulla vicina Slovenia.
Il biglietto costa €3,00, ma io purtroppo non l’ho visitato perché era temporaneamente chiuso.

Complesso dei Musei Provinciali di Gorizia

Castello di Gorizia, cosa vedere

Castello di Gorizia

I musei sono nel borgo castello, proprio a pochi passi dalla rocca e fanno parte dei Musei Provinciali di Gorizia (ERPAC). Allo stesso sistema museale appartengono in realtà altre collezioni museali, dislocate anche su altre città come Gradisca d’Isonzo, dove è situata la Galleria d’Arte Moderna Luigi Spazzapan.
In questi si organizzano visite guidate e laboratori. Tante sono le proposte didattiche nonché percorsi per tutte le fasce d’età.

Musei provinciali di Gorizia, Borgo Castello

Musei provinciali, Borgo Castello – Gorizia

I Musei provinciali di Gorizia sono:

  • Museo della Grande Guerra e Museo della Moda e delle Arti Applicate dei quali parlerò dopo in maniera approfondita;
  • Museo Archeologico, che comprende reperti archeologici che documentano l’evoluzione del territorio goriziano e della valle dell’Isonzo, dalla preistoria fino al rinascimento;
  • Pinacoteca, che accoglie dipinti, disegni, incisioni e sculture che partono dalla metà del Settecento alla metà del Novecento;
  • Archivio storico;
  • Biblioteca;
  • Fototeca.

Orari: 9:00 – 18:30
Costi: €6,00 (Biglietto unico che comprende Museo della Grande Guerra, Museo della Moda, Pinacoteca e Museo Archeologico)

Per saperne di più ed essere sempre aggiornato su orari e prezzi il sito ufficiale è Musei.Regione.fvg.it 

Museo della Grande Guerra

Museo della Grande Guerra, Gorizia

Spazio museale al piano interrato – Museo della Grande Guerra, Gorizia

Il Museo della Grande Guerra ho avuto il piacere di visitarlo attraverso una visita guidata condotta egregiamente da Erika Bader, guida turistica che fa parte della Società Cooperativa Musaeus.
Un’ora e mezza intensa e piacevole in cui sono stata condotta, mediante racconti e aneddoti, ad immergermi nelle vicende Prima Guerra Mondiale, che non devono essere mai dimenticate, nonostante siano distanti anni luce dai nostri giorni.

Museo della Grande Guerra, Gorizia cosa vedere

Pezzo di artiglieria sopravvissuto alla deflagrazione  – Museo della Grande Guerra, Gorizia

Il Museo della Grande Guerra si sviluppa nel piano seminterrato di due antiche dimore del Borgo Castello. Si articola in 9 sale in cui ci sono ricostruzioni scenografiche, oggetti, indumenti, fotografie d’epoca e armi che rievocano la guerra, nonché il ruolo di Gorizia, da sempre città contesa al confine estremo dell’Italia.
Soprattutto si mira a fa conoscere la quotidianità dei soldati segnata da sanguinose e cruenti battaglie, ma anche da lunghe e snervanti attese in trincea. Ci sono, ad esempio, oggetti come pipe o strumenti musicali da loro costruiti durante l’attesa degli scontri.

Reperti, Museo della Grande Guerra - Gorizia

Reperti, Museo della Grande Guerra – Gorizia

Plastico trincea, Museo della Grande Guerra - Gorizia

Plastico campo di battaglia, Museo della Grande Guerra – Gorizia

simulazione trincea, Museo della Grande Guerra - Gorizia

Riproduzione del campo di battaglia – Museo della Grande Guerra, Gorizia

Per capire lo svolgimento degli scontri si sono rivelati molto utili il plastico e la riproduzione del campo di battaglia, spiegati in maniera esaustiva dalla mia guida. Ho trovato, inoltre, interessanti cimeli e fotografie riguardanti la vittoria finale, nonché le indumenti originali appartenuti ai generali Cadorna e Diaz.
A parte per i numerosi reperti che raccontano la storia, consiglio di vederlo per il viaggio emotivo che ti consente di fare. A tal proposito, è stata allestita in una stanza una trincea a grandezza naturale dove è possibile “provare” l’esperienza della trincea, con un sofisticato sistema audio per la riproduzione realistica di suoni di spari, grida ed esplosioni.
Purtroppo questa parte era temporaneamente interdetta al pubblico; sarà per la prossima 😉

Museo della Moda e delle Arti Applicate

Torcitoio, Museo della Moda e delle Arti Applicate - Gorizia

Torcitoio, Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Il Museo della Moda e delle Arti Applicate è uno dei pochi dedicati alla moda e al tessile esistenti in Italia.
In questo casa la guida Erika mi ha portato alla scoperta di campioni tessili, accessori e macchinari, tra cui spicca un enorme torcitoio circolare da seta risalente alla metà del XVIII secolo. La sua particolarità è che viene azionato (è ancora funzionante!) mediante la forza umana, da una persona lo spinge camminando all’indietro.

Scarpe antiche, Museo della Moda e delle Arti Applicate - Gorizia

Scarpe antiche, Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Borsette, Museo della Moda e delle Arti Applicate Gorizia

Borsette, Museo della Moda e delle Arti Applicate, Gorizia

C’è poi un allestimento con delle collezioni basate su tre fili conduttori: righe, quadri e fiori. Questi si vedono in cappellini, abiti, gioielli, borse e altri splendidi accessori. Soprattutto per chi si professa “intenditore di moda” è una sezione da vedere assolutamente: fa comprendere quanta arte e tecnica ci sia dietro a quella che può essere considerata solo una banale fantasia del tessuto.
Bellissima inoltre l’esposizione di antiche scarpe; in particolare mi ha colpito una collezione ritrovata casualmente da un uomo in un baule che appartenevano a una sua nonna. Erano praticamente…nuove!

Abiti antichi, Museo della Moda e delle Arti Applicate - Gorizia

Abiti antichi, Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Museo della Moda e delle Arti Applicate, Gorizia

Vetrine con abiti, Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Interessante la parte dell’allestimento con gli abiti del Settecento, Ottocento e Novecento esposti nelle vetrine, come se fossero in un elegante corso di una città. Il tutto accompagnato da un’installazione multimediale con figurini di moda che porta a scoprire la storia del costume.
Mi è piaciuta molto anche la sala dedicata ai gioielli e quadri, e in particolare un quadro monumentale di Giuseppe Tominz che domina la sala. I soggetti rappresentati indossano gioielli dell’epoca che si possono ammirare dal vivo all’interno della sala.

Quadri e gioielli, Museo della Moda e delle Arti Applicate - Gorizia

Quadri e gioielli, Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Le ultime due salette sono dedicate a merletti, vetri e ceramiche.
Insomma, dei musei da vedere assolutamente magari con una guida turistica che ti possa aiutare a comprendere meglio il tutto e vivere l’esperienza a 360°!

♥ Dove dormire a Gorizia


Booking.com

Il mio viaggio tra le cose da vedere a Gorizia termina qui, questi sono i principali luoghi di interesse per scoprire Gorizia in un giorno. La città è davvero tranquilla, perfetta per trascorrere una giornata di relax e allo stesso tempo fare un tuffo nella storia.
Hai mai visitato Gorizia? Fammelo sapere nei commenti!

 

Post in collaborazione con i Musei Provinciali di Gorizia

2 Comments

  1. Giorgio Cattelan 03/09/2021
    • Lucia Nuzzaci 05/09/2021

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.