Tra le tante città murate presenti in Veneto c’è una con delle origini antichissime, in provincia di Venezia: Noale.
Conosciuta a tutti perché qui ha sede l’Aprilia, riserva molte sorprese con il suo caratteristico centro storico, gli eleganti palazzi e soprattutto la Rocca dei Tempesta, simbolo che la rappresenta.
Noale costituiva in passato un’isola inespugnabile e venne utilizzata per secoli a fini militari. Dopo essere stata abbandonata al degrado, fu poi recuperata e valorizzata.
Oltre alle bellezze artistiche e storiche, Noale custodisce forti tradizioni come la tradizionale corsa del Palio e Noale in fiore, eventi che richiamano folle di visitatori.
Vediamo quindi cosa vedere a Noale, è molto piccola e si visita velocemente a piedi. Perfetta per trascorrere una mattinata o una piacevole domenica pomeriggio.
Buona lettura!

Noale: cosa vedere e migliori attrazioni

Torre dell’Orologio

Torre-dell'Orologio-Noale

Torre dell’Orologio, Noale

Appena si giunge nei pressi del centro storico di Noale la prima cosa che balza all’occhio e sorprende con la sua imponenza è la Torre dell’Orologio.
Questa torre, alta 32 metri, costituiva l’entrata ad Est dell’antico borgo medioevale. La torre presenta dei merli ghibellini alla sua sommità (aggiunti nel 1836) e due orologi circolari con quadranti di colore celeste: uno con numeri romani situato sul lato che guarda l’incrocio delle Quattro Strade e l’altro, con numeri arabi, sulla facciata rivolta su Piazza Castello.
Nei weekend si può visitare e viene anche utilizzata, in occasione del palio che si tiene ogni anno, per proporre uno spettacolo pirotecnico che simula un incendio.

Palazzo della Loggia

Palazzo-della-Loggia,-Noale

Palazzo della Loggia, Noale

Poco prima di accedere alla piazza principale, accanto alla Torre dell’orologio, spicca un bell’edificio che mi ha sorpreso per la sua eleganza, ovvero Palazzo della Loggia.
In stile gotico, è disposto su tre livelli con al piano terra una serie di colonne che sostengono delle volte a crociera e un monumento ai caduti.
Il palazzo, fino alla seconda metà del XX secolo, fu sede del municipio di Noale. Oggi ospita la sede del consiglio comunale, la pinacoteca Egisto Lancerotto e, all’ultimo piano, l’associazione Pro Loco di Noale.

Piazza Castello

Piazza-Castello,-Noale

Piazza Castello, Noale

La tappa imperdibile è Piazza Castello, tra le cose da vedere a Noale. Una piazza ampia sulla quale si affacciano, oltre alla Torre dell’Orologio, la Parrocchiale dei SS. Felice e Fortunato del Quattrocento, una sequenza di colorate case a portico con fregi e palazzi in stile trevigiano.
Nella parte opposta della piazza è situata la Torre delle Campane, che costituiva l’ingresso ovest al borgo e di cui parlerò più avanti.
Su Piazza Castello, cuore della città, ci sono numerosi bar, locali, gelaterie e tutto ciò che serve per rilassarsi e trascorrere delle ore in spensieratezza. Anch’io qui mi sono concessa un buon gelato ;-)

Chiesa dei Santi Martiri Felice e Fortunato

Chiesa-de santi martiri Felice e Fortunato, Noale

Chiesa dei Santi Martiri Felice e Fortunato, Noale

Su Piazza Castello si affaccia la Chiesa dei Santi Martiri Felice e Fortunato.
La chiesa venne intitolata ai santi martiri vicentini quando furono traslate le reliquie dei Santi Felice e Fortunato da Malamocco a Chioggia. Nel 1330 era ancora cappella soggetta alla pieve di Zeminiana, attorno al 1445 venne riedificata e furono aggiunte due navate laterali decorate con affreschi e fregi. La chiesa di Noale fu consacrata nel 1554.

Interno-Chiesa-dei-Santi-Martiri-Felice-e-Fortunato-Noale

Interno, Chiesa dei Santi Martiri Felice e Fortunato – Noale

Attualmente la parrocchiale ha le tre navate divise da colonne e cinque altari. Ci sono dei meravigliosi affreschi sui soffitti opera di Pietro Moro e, nell’altare maggiore, la pala che raffigura i Santi Felice e Fortunato, opera di Damiano Mazza, scolaro del Tiziano.
La chiesa è molto bella, consiglio di farci un salto!

Torre Campanaria

Torre-Campanaria-Noale

Torre Campanaria, Noale

Per uscire dal lato ovest del borgo si deve attraversare la porta merlata con accanto la Torre Campanaria, un torre medievale detta anche Torre Padovana.
In passato era alta come la Torre dell’Orologio, poi nel 1876 si decise di elevarla fino a 43 metri, aggiungendo una cella campanaria ornata da merli ghibellini.
Attualmente all’interno della torre sono ospitate mostre.

Il Castello e la Rocca dei Tempesta

Rocca-di-Noale

Rocca dei Tempesta, Noale

Il Castello di Noale è un’area circondata da fossati medievali che racchiude il centro storico di Noale: all’interno del perimetro c’è la chiesa Arcipretale, antichi palazzi, Piazza Castello. Le due grandi porte d’accesso merlate sono affiancate dalla Torre dell’Orologio e dalla Torre delle Campane.
A fianco al Castello possiamo ammirare i resti della Rocca, l’attrazione di Noale da vedere assolutamente. Si giunge oltrepassando la Torre Campanaria.

Rocca-dei-Tempesta-Noale

Rocca dei Tempesta, Noale

La Rocca era il cuore del centro medievale ed era una inespugnabile macchina da guerra. Una struttura possente che fungeva da abitazione per i Signori e nella quale si trovavano le prigioni, la cancelleria, un’armeria, le cucine, le stalle, una piccola chiesa e le stanze della servitù.
La Rocca di Noale, di cui oggi rimangono gli imponenti ruderi circondati dal fossato e dal fiume Marzenego, è stata ristrutturata di recente. È visitabile in occasione di visite guidate o manifestazioni.

Giardini-Beggio-e-Rocca-dei-tempesta-Noale

Giardini Beggio e Rocca dei Tempesta, Noale

La Rocca è circondata anche da due giardini, da un lato ci sono i Giardini Beggio e dall’altro i Giardini Vecellio. Soprattutto questi ultimi sono molto ampi, contemplano panchine e un parco giochi. Da qui si ha una magnifica prospettiva della Rocca e si può immortalare in diversi modi, specialmente riflessa nelle acque del fiume Marzenego.

Dove dormire a Noale



Booking.com


Queste sono le principali cose da vedere a Noale, un borgo piccolo ma molto carino. Lo conoscevi? Hai qualche curiosità? Fammelo sapere nei commenti!


Lucia Nuzzaci

Ciao sono Lucia, sociologa per formazione, copywriter e travel blogger dal 2017 per lavoro, fondatrice di souvenirdiviaggio.it per dare spazio e vita ai miei viaggi. Amo scrivere, parlare, leggere, viaggiare con mio marito e i miei due figli, fissare gli istanti di un viaggio in mille scatti.

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.