Death Valley National Park-tour las vegas e california

Tour Las Vegas e California in 9 giorni: west coast on the road

Restare ammaliati dal paese dei balocchi, Las Vegas, per poi viaggiare su strade che sembrano infinite. Attraversare paesini che ricordano gli scenari western, ammirare distese di sabbia, aprire il finestrino e farsi travolgere da un caldo a dir poco asfissiante: il tour on the road di Las Vegas e California è qualcosa che ti segna dentro, un’esperienza che non dimentichi facilmente.
Ho viaggiato da Los Angeles a Las Vegas passando dal Deserto del Mojave, poi da Las Vegas a San Francisco attraverso la Death Valley.
E’ meravigliosa la percezione di vivere appieno la parte più “cruda” dell’America, una sensazione amplificata dal silenzio e dalla solitudine che ispira il deserto.
Dunque, in questo articolo ti racconto il mio tour Las Vegas e California in 9 giorni on the road, attraverso la Valle della Morte.
Chiaramente, se parliamo di America, 9 giorni sono sempre pochi. In realtà il mio viaggio è durato 15 giorni perché, dopo aver terminato il tour a San Francisco, sono volata in Messico. E lì ho trascorso momenti indimenticabili sulla Riviera Maya, a Tulum e in altri posti fantastici.

Per saperne di più ecco il link all’articolo →→→ Messico, Riviera Maya: cosa vedere ed escursione a Sian Ka’an.

Informazioni pratiche per affrontare la California on the road

Io ho attraversato la California e il Nevada in pullman, quindi se noleggi un’auto ci sono alcune cose importanti che devi sapere.

  • Fai il pieno! I distributori, specialmente nel Death Valley National Park, sono pochissimi (solo 3). Tra l’altro hanno la benzina molto più cara che altrove.
  • Attento alle distanze e scegli bene dove pernottare. La Valle della Morte, con le sue varie attrazioni occupa un’estensione enorme. Quindi conviene studiare bene la mappa e i percorsi, decidendo attentamente dove fermarsi.
  • Assicurati che l’aria condizionata sia perfettamente funzionante.
  • Porta del cibo! Nelle varie tappe del tour si trovano dei posti in cui mangiare, ma nella Death Valley non è così. La zona è isolata e non ci sono molti luoghi per pranzare (ricordo che c’è qualche posto vicino Furnace Creek).
  • Informati sulla viabilità. Alcune strade della Death Valley vengono chiuse in caso di eccessivo caldo. Il giorno in cui ho viaggiato io, ad esempio, è successo e il viaggio si è allungato di qualche ora!

Mappa del tour Las Vegas e California in 9 giorni

Queste sono le tappe del tour completo che ho fatto: sono partita da Los Angeles e ho concluso il viaggio a San Francisco. La parte su strada più lunga è stata quella da Las Vegas a San Francisco, dove ho attraversato la Death Valley.

  • Giorno 1: atterraggio a Los Angeles nel pomeriggio e visita della città. Pernottamento a Los Angeles.
  • Giorno 2: visita di Los Angeles (Beverly Hills e Hollywood) e Santa Monica – Nel tardo pomeriggio partenza per Las Vegas attraverso il Deserto del Mojave (circa 4 ore in auto). Pernottamento a Las Vegas.
  • Giorno 3: visita di Las Vegas. Pernottamento a Las Vegas.
  • Giorno 4: partenza per il Death Valley National Park e visita (da Las Vegas alla Death Valley ci sono 2 ore e mezza di strada, poi ho attraversato e visitato la Valle della Morte). In tarda serata arrivo a Fresno. (Complessivamente, da Las Vegas a Fresno attraverso la Death Valley ci sono circa 12 ore).
  • Giorno 5: partenza per il Parco Nazionale dello Yosemite e visita (3 ore circa da Fresno). Rientro e pernottamento a Fresno.
  • Giorno 6: partenza per Monterey (durata viaggio 3 ore) e visita della città – Partenza in serata per San Francisco (da Monterey a San Francisco ci sono 2 ore di strada). Pernottamento a San Francisco.
  • Giorno 7 – 8: visita per due giorni di San Francisco. Pernottamento a San Francisco.
  • Giorno 9: visita di San Francisco in mattinata – Partenza nel pomeriggio per il Messico. Dopo 5 giorni sono rientrata in Italia.

Da Los Angeles a Las Vegas attraverso il Deserto del Mojave

Los Angeles: cosa vedere

hollywood-los angeles

Hollywood, Los Angeles

Il mio tour Las Vegas e California in 9 giorni on the road è partito da Los Angeles, città in cui sono atterrata dall’Italia e alla quale ho dedicato quasi una giornata, visitando Hollywood, Beverly Hills e Santa Monica.
Che dire, a Los Angeles non sono rimasta molto tempo perché ho preferito approfondire la visita di altri posti, ma credo meriti di più. In particolare, sono da vedere i celebri Studios come il Paramount Pictures, Universal Studios e Warner Bros. Studios… magari al prossimo viaggio!

santa monica-los angeles

End of the Trail Route 66, Santa Monica – Los Angeles

Ho visitato Santa Monica, con un’immancabile foto vicino al cartello “End of trail Route 66“, dato che è qui che termina la famosa strada che parte da Chicago, uno dei tanti itinerari degli USA on the road. Enormi distese di sabbia e un colorato porticciolo con la ruota panoramica rendono Santa Monica davvero interessante.
Poi sono passata brevemente da Beverly Hills, con le sue lussuose villette e il Rodeo Drive (via dello shopping di lusso). E da Hollywood, concedendomi una passeggiata sulla Walk of Fame. E’ stato bello vedere il Teatro Cinese e strani personaggi che camminavano tranquillamente su una delle vie più note al mondo. Immancabile la foto con la collina e l’insegna luminosa alle mie spalle “Hollywood“.

Direzione Las Vegas e Deserto del Mojave

deserto del mojave-california

Paesaggio della strada da Los Angeles a Las Vegas, Deserto del Mojave

Da Los Angeles a Las Vegas ho viaggiato per poco più di 4 ore, attraversando una piccola parte del Deserto del Mojave, che già mi ha fatto pregustare ciò che mi sarebbe aspettato nella Valle della Morte.
Paesaggi aridi e città fantasma come Calico sono alcune cose che ho potuto vedere durante il viaggio. Calico è un villaggio che mantiene ancora l’antico e polveroso fascino western.
Appena ho intravisto il cartello Welcome to Nevada sono stata invece catapultata in mondo totalmente diverso, la pace del deserto lascia spazio alla vivacità della città simbolo del divertimento per eccellenza: Las Vegas.

welcome to las vegas cartello

Cartello Welcome to Las Vegas, Las Vegas

A Las Vegas ho trascorso due giorni memorabili tra luci, display luminosi, alberghi improbabili, casinò enormi, musica rimbombante e tanto caldo!
A quest’esperienza ho dedicato un intero articolo →→→ Cosa vedere a Las Vegas in due giorni.

Di buon mattino, dopo aver fatto la foto di rito con il famosissimo cartello Welcome To Fabulous Las Vegas, è iniziato il viaggio on the road più lungo, percorrendo la Route 95 che si addentra nel Parco Nazionale della Death Valley.

♥ Per scoprire la Valle della Morte, puoi partecipare ad un’escursione nella Death Valley di 10 ore partendo da Las Vegas.
Per prenotazioni →→→ Escursione nella Death Valley

Cosa vedere nella Death Valley

Zabriskie Point

Zabriskie Point, Death Valley National Park

Zabriskie Point, Death Valley National Park

Dopo circa 2 ore sono arrivata precisamente nella zona di Furnace Creek: anticamente era un lago, oggi è una distesa immensa di terra plissettata, risultato di sedimentazione ed erosione.
La prima tappa è stata il punto di osservazione Zabriskie Point, sulla Route 190: qui rimango senza fiato per la bellezza disarmante del panorama offerto e i caratteristici calanchi dorati… per non parlare del caldo estremo!
La luce si riflette sulla distesa desertica e diviene abbagliante, è difficile tenere gli occhi aperti.
Per dare un’idea di cosa significa provare il caldo del deserto, ti chiedo di pensare al calore che ti arriva in faccia quando apri il forno… beh, la sensazione è uguale, ma estesa su tutto il corpo! Anche l’acqua che esce dai rubinetti delle toilette è calda, dunque in questi posti l’aria condizionata è la solo fonte di refrigerio.

Furnace Creek Visitor Center e Mesquites Flat

Mesquites Flat Sand Dunes, Death Valley

Mesquites Flat Sand Dunes, Death Valley National Park

A pochi minuti da Zabriskie Point si trova il Furnace Creek Visitor Center, che sorge nei pressi di un villaggio indiano. Nel centro si racconta ai visitatori la storia, le bellezze ed i pericoli che si possono incontrare nel Parco Nazionale della Death Valley.
Continuando lungo la Route 190 ho raggiunto l’area di Mesquites Flat Sand Dunes, dove ho calpestato le dune che più si avvicinano all’immaginario collettivo di deserto.
Vedere la proprie impronte in un luogo così lontano dalla civiltà è davvero affascinante!

Badwater, Death Valley

badwater-death valley

Badwater, Death Valley National Park

Lungo la strada ho fatto una sosta a Badwater, una piscina bassa e salata nota per essere il punto più basso del Nordamerica, con una quota di 282 piedi (86 m) sotto il livello del mare.
E’ il luogo più conosciuto e visitato della Death Valley, di cui molti immortalano il cartello di legno che ne illustra la profondità… ovviamente l’ho fatto anch’io!
A causa delle temperature bollenti e della presenza di sale, non c’è più nessun tipo di vita vegetale.
Il mese più caldo dell’anno è luglio con una temperatura media massima di 46 °C, mentre il record è di ben 57°C!

death valley national park

Death Valley National Park, California

Il viaggio on the road nella Death Valley è un’esperienza unica: la strada è quasi sempre dritta ad eccezione di qualche curva segnalata dai celebri cartelli stradali su sfondo giallo.
Consiglio: gusta questo posto così suggestivo solo con poche persone. In silenzio. Ne vale davvero la pena.

→→→ Scopri Cosa vedere nella Death Valley, info e consigli utili

Direzione Fresno: Shoshoe e Baker

Termometro più grande del mondo-baker-california

Termometro più grande del mondo, Baker – California

Nel lungo viaggio nella Death Valley, sulla strada che conduce a Fresno, ho sostato brevemente presso Shoshoe, una comunità che ricorda fortemente le sceneggiature Western e Baker. In quest’ultima ho potuto osservare il termometro più grande del mondo, alto ben 40 metri!

Il paesaggio cambia lentamente man mano che si esce dal deserto e ci si dirige verso le zone più popolate. Avvicinandosi verso Fresno iniziano ad apparire i frutteti che si estendono per chilometri e chilometri: qui il paesaggio desertico è ormai un’immagine fissata nella mia mente.
Dopo quasi 14 ore di viaggio sono arrivata al mio hotel a Fresno stanca e soddisfatta, con meravigliosi scenari impressi negli occhi.

Da Fresno a San Francisco: visita di Yosemite Park e Monterey

yosemite park cosa vedere-souvenirdiviaggio

Punto panoramico Tunnel View, Yosemite National Park

Fresno, con i suoi quasi 500 mila abitanti, è il centro abitato più grande della zona centrale della California, però la sua importanza come centro turistico non è eccezionale.
Nonostante non sia una città particolarmente interessante, l’ho scelta poiché si trova in una posizione strategica per visitare i parchi americani, molto vicina ad esempio allo Yosemite National Park, al Sequoia National Park e al Kings Canyon National Park.
In circa 1 ora e mezza sono arrivata allo Yosemite National Park, meraviglioso parco famoso per le sue cascate e sequoie giganti.
Ecco un articolo con tutte le informazioni utili →→→ Visitare lo Yosemite Park: cosa vedere e consigli.

Golden Gate Bridge, San Francisco - California

Golden Gate Bridge, San Francisco

Dallo Yosemite Park il mio tour Las Vegas e California in 9 giorni continua per altre 4 ore in direzione Monterey, splendida cittadina marinara e pittoresca dove ho gustato dell’ottimo pesce al caratteristico Bubba Gump.
Mi sono fermata quasi una giornata intera, poi sono ripartita godendo per ancora qualche minuto della tranquillità del deserto. Finché sono arrivata su strada passando da vari villaggi, come San Juan Bautista, una storica città ricca di arte e cultura.
San Francisco dista da Monterey due ore. Città che non ha bisogno di presentazioni, è ricca di cose da vedere e da fare. Qui mi sono fermata due giorni e mezzo e ovviamente le ho dedicato un articolo intero →→→ Cosa fare e vedere a San Francisco in due giorni.

Il mio lungo viaggio negli USA termina qui, ma che dire… Credo proprio di aver vissuto un sogno!

E tu ci sei mai stato in America? Hai fatto un tour on the road come questo o simile? Raccontamelo nei commenti!

14 Comments

  1. Sara 09/05/2020
    • Lucia Nuzzaci 09/05/2020
  2. Federica Assirelli 09/05/2020
    • Lucia Nuzzaci 09/05/2020
  3. Michela 08/05/2020
    • Lucia Nuzzaci 08/05/2020
  4. Virginia 24/04/2020
    • Lucia Nuzzaci 24/04/2020
  5. Maria 27/09/2019
    • Lucia Nuzzaci 29/09/2019
  6. francesca 05/04/2019
    • Lucia Nuzzaci 05/04/2019
  7. Falupe 14/11/2017
    • Lucia Nuzzaci 14/11/2017

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.