Centro-storico,-Ostuni

Ostuni: cosa vedere in un giorno nella città bianca e piatti tipici

La chiamano (e la chiamerai) “La città bianca”, scorgendola da lontano e riconoscendola fra tutte le altre.
Il bianco ti guiderà lungo le strade che si snodano tra antichi uliveti, fino a risalire la collina su cui è arroccata e ti abbaglierà quando sarai giunto. Bianco è il labirinto di strade e muri dipinti a calce in cui ci si perde volentieri. Ostuni è una città pugliese, in provincia di Brindisi, che si lascia ammirare e affascina!
Da pugliese l’ho visitata diverse volte, ma sempre con occhi diversi: distrattamente come semplice turista, di sfuggita durante una giornata con gli amici oppure semplicemente con gli occhi di una bambina che visita un posto nuovo in una gita scolastica.
L’ultima volta che ci sono andata l’ho osservata con gli occhi di una viaggiatrice con la voglia di vedere e conoscere, mantenendo però intatto quello sguardo meravigliato da bambina che solo posti del genere possono regalare.
Ti farò scoprire in questo articolo la splendida Ostuni, cosa vedere in un giorno, cosa mangiare e dove, insomma… tutto ciò che non devi perdere.
Buona lettura!

Cosa vedere a Ostuni in un giorno: ecco le attrazioni imperdibili

Piazza della Libertà e Obelisco di Sant’Oronzo

Piazza-della-Libertà-e-Obelisco-Ostuni

Piazza della Libertà, Ostuni

Una delle prime cose che ho visto all’arrivo nel cuore della città di Ostuni è Piazza della Libertà. Molte delle vie principali convergono qui!
E’ il grande “salone” di Ostuni e ne è il centro vitale, nonché ottimo punto di partenza per visitare la cittadina.
La piazza è ricca di ristoranti e bar, turisti e locali che trascorrono piacevolmente il loro tempo.
Nel contesto spicca il Palazzo San Francesco, antico monastero francescano del Settecento oggi sede del Municipio.

Piazza-della-Libertà-e-Chiesa-di-San-Francesco-Ostuni

Palazzo e Chiesa di San Francesco, Piazza della Libertà – Ostuni

Accanto si può vedere la Chiesa di San Francesco che all’interno presenta stucchi e tele di pregio.
Domina invece su tutta la piazza l’Obelisco di Sant’Oronzo, alto quasi 21 metri, omaggio al protettore della città, Sant’Oronzo. È in stile barocco con in cima la statua del Santo, pertanto ricorda molto quello situato in Piazza Sant’Oronzo a Lecce!

Centro storico e mura aragonesi

Centro-storico-di-Ostuni

Centro storico, Ostuni

Ostuni è circondata da mura difensive medievali, ampliate e modificate nel corso dei secoli. Ce ne sono tre e le più imponenti (e meglio conservate) si possono osservare dall’inizio di Porta Nuova fino a Palazzo Scalona.
Scontato dire che Ostuni si deve vivere e conoscere perdendosi tra il dedalo di viuzze, scalinate, archi, balconi e strade che portano su scorci panoramici mozzafiato.

Ostuni,-centro-storico

Centro storico, Ostuni

Da Piazza della Libertà, infatti, ho cominciato a camminare senza meta ed è stato bellissimo smarrirsi nel centro storico.
Il centro si visita a piedi ed è ampiamente accessibile a tutti (io l’ho fatto in passeggino). Ci sono diverse scalinate, ma non sono obbligatorie perché i percorsi fattibili e che portano ai luoghi di interesse conosciuti sono tanti.
Dunque… cammina e goditi la meravigliosa città bianca!

Cattedrale e Museo Diocesano

Cattedrale-di-Ostuni

Cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo, Ostuni

Camminando si incontra, nella parte più alta del paese, l’imponente Cattedrale, tra le cose da vedere a Ostuni senza dubbio. La Concattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo è in stile gotico e ha sulla facciata un enorme rosone, tra i più grandi esistenti.
Tre eleganti portali ti consentiranno di accedere all’interno, suddiviso in tre navate, arricchito da meravigliose cappelle barocche e un soffitto dipinto.
Proprio di fronte alla chiesa c’è l’Arco Scoppa, interamente lavorato e molto particolare, pare sia ispirato al Ponte dei Sospiri di Venezia. Oltre a essere bello da vedere, consente di fare delle foto davvero scenografiche alla Cattedrale di Ostuni e il Largo Trinchera che si apre davanti a essa.

Arco-Scoppa,-Ostuni-cosa-vedere

Arco Scoppa, Largo Trinchera – Ostuni

Poco distante c’è il Museo Diocesano, sito nel Palazzo dell’Episcopio. Ospita un notevole patrimonio storico-artistico, una collezione archeologica e tante opere d’arte preziose. Imperdibile il Cristo anatomico in cera, considerato per la sua rarità e significato teologico, un capolavoro dell’arte cristiana.

Info: il biglietto per il museo costa €4,00 e comprende anche il Giardino dei Vescovi, mentre l’ingresso in cattedrale è gratuito.

Porta-blu,-Ostuni-cosa-vedere-in-un-giorno

Porta blu, Ostuni

Tips: non dimenticare, proprio a pochi passi dalla cattedrale, di fare una foto vicino alla porta più fotografata di Ostuni, la Porta Blu, che con i suoi colori che ricordano l’Adriatico spicca tra il candore delle pareti. Posta sulla parte più alta è un punto panoramico da cui si gode di una magnifica vista.
Ormai è un simbolo di Ostuni, ma in realtà è soltanto la porta d’ingresso di un semplice alloggio per turisti!

Chiesa di San Giacomo di Compostela

Chiesa-di-San-Giacomo-di-Compostela-Ostuni

Chiesa di San Giacomo di Compostela, Ostuni

Mentre passeggiavo con mio marito e mio figlio fra le incantevoli vie di Ostuni mi sono imbattuta in una piccola struttura che, inizialmente, non avevo nemmeno capito fosse una chiesa. Ho visto solo un portone e una monofora che risale al medioevo, ma ho scoperto poi si che si trattava dell’antica Chiesa di San Giacomo di Compostela (risale al 1423), originariamente la Cappella della famiglia Caballerio.
L’interno, dalle linee gotiche, offre alcuni interessanti elementi come le statue dei Santi Cosma e Damiano, lo stemma della famiglia, un altare in pietra locale finemente intagliato e una grande tela che rappresenta Sant’Irene. In passato le pareti erano coperte da un ciclo di affreschi che poi sono stati, purtroppo, ricoperti da intonaco. L’autore pare sia lo stesso che ha realizzato i capolavori nella Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina.
Se passi da via Bixio Continelli facci un salto!

Museo Civico di Ostuni

Museo-Civico-di-Ostuni

Museo delle Civiltà preclassiche della Murgia Meridionale“, Ostuni

Da vedere a Ostuni il Museo Civico, denominato delle “Civiltà preclassiche della Murgia Meridionale“.
All’interno sono esposti i corredi delle tombe di età messapica e reperti di età medievale, rinascimentale e moderna. Si aggiungono inoltre ceramiche e altri oggetti provenienti dagli scavi nella Grotta Sant’Angelo.
Nelle ultime tre sale si possono ammirare tutte le testimonianze archeologiche rinvenute nella Grotta di Santa Maria di Agnano: frammenti di affreschi, ceramiche, iscrizioni in lingua messapica, armi, terrecotte e calchi delle due sepolture paleolitiche.
L’opera più preziosa e importante del museo è la suggestiva ricostruzione del luogo dove fu ritrovato lo scheletro della cosiddetta “Donna di Ostuni” o “Delia”, una donna con feto di 26.000 fa (periodo paleolitico). Si tratta della donna incinta più antica mai ritrovata nel mondo.
Insomma, un piacevole viaggio nel tempo che ti consiglio fare 😉

Info: aperto tutti i giorni 10:00-13:00 / 16:00-20:00 – Costo biglietto €5,00

Marine di Ostuni

Torre-Guaceto,-Ostuni

Torre Guaceto, Carovigno

Non bisogna dimenticare che Ostuni non è solo una delle mete turistiche più gettonate per il suo centro storico imbiancato, ma anche per le sue marine. È infatti un rinomato centro balneare con bellissime spiagge e calette mozzafiato.
Alcune delle calette più belle le troviamo sulla Costa Merlata, ricca di insenature e coste frastagliate. Tra l’altro, uno dei pochi posti nella zona ad essere Dog-Friendly.
Torre Pozzella invece è particolarmente affascinante con le sue rocce a picco sul mare e la torre omonima.
Tra le spiagge imperdibili di Ostuni si annoverano Lido Morelli con sabbia soffice e bianca immerso nella natura più selvaggia, Rosa Marina (perfetta per chi ama la movida e i giovani), Cala Quarto di Monte, spiaggia del Pilone e Torre Santa Sabina.

Torre-Guaceto,-Marina-di-Ostuni

Torre Guaceto, Carovigno

Da vedere assolutamente la Riserva Naturale di Torre Guaceto, protetta dal WWF, a circa mezz’ora da Ostuni (Comune di Carovigno).
Un’area ricca di flora e fauna, costituita da una parte rocciosa e una piccola spiaggia sabbiosa dal mare cristallino. Tra l’altro, qui puoi visitare un piccolo centro di recupero per tartarughe e alcune testimonianze archeologiche antichissime, che mostrano come l’uomo abbia scelto questi paesaggi naturali floridi per stabilirsi.
Insomma, un paradiso vero e proprio che vale la pena vedere!

Attività da fare a Ostuni e dintorni

Cosa mangiare a Ostuni e ristoranti migliori

Panzerotto-barese---calzone-leccese-ostuni

Panzerotto (fatto in casa!)

Vorrei concludere con una delle cose imprescindibili durante un viaggio: il cibo. Non si possono non assaggiare i piatti tipici dei luoghi che si visitano… in Puglia poi, con l’ottimo cibo che c’è, sarebbe un sacrilegio!
I piatti tipici di Ostuni da non perdere sono innanzitutto le orecchiette con le cime di rapa, famosissima ricetta della tradizione pugliese diffusa nelle terre di Bari (ma la facciamo anche nel territorio di Lecce, io le adoro!). La purea di fave con cicoria e i piatti a base di pesce fresco.
Il panzerotto, ovvero pasta lievitata fritta ripiena di mozzarella e pomodoro (specifico che a Lecce lo trovi come calzone). Uno street food perfetto considerando che il prezzo si aggira intorno ai 2 euro.
Come non assaggiare poi i taralli che si trovano in tutti i gusti, la focaccia con le cipolle e le friselle, presenti anche nei piatti tipici salentini.

Tanti i ristoranti e trattorie a Ostuni in cui gustare i piatti della tradizione come l’Osteria Monacelle, la Grotta degli Avi, la Vispa Teresa, il Posto Affianco per citarne alcuni. Spesso sono situati in location molto particolari come antichi forni, frantoi e grotte. Una vera esperienza culinaria… e non solo!

Dove dormire a Ostuni



Booking.com


Queste sono le principali cose da vedere a Ostuni e le attrazioni imperdibili. Una città che devi assolutamente visitare se fai un viaggio in Puglia.
La conoscevi? Vuoi chiedermi qualche informazione su Ostuni? Non esitare a farlo, ti aspetto nei commenti o sui social!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.