Sebbene sia indubbiamente meno conosciuta rispetto alle celebri Ostuni e Alberobello, su vicine, Cisternino per me è stata una gradevole sorpresa!
Visitare questo borgo della Valle d’Itria significa addentrarsi in un intricato labirinto di vicoli e scalinate bianchissime, lasciandosi guidare dal profumo delle celebri “bombette”, uno dei simboli del paese, ammirare scorci scenografici e ritrovarsi tutto ad un tratto in animate piazzette.
È un paese imbiancato immerso nella campagna verde ricca di ulivi secolari e storici trulli, una cornice d’eccezione che lo rende ancor più magico.
Inoltre, quando l’ho visitato in agosto 2021, ho trovato Cisternino particolarmente coinvolgente grazie alle diverse installazioni che fanno parte del progetto “Il borgo che dondola” di cui parlerò dopo.
Cisternino è piccola, non ha grandi monumenti e si può visitare tranquillamente in un giorno o anche in mezza giornata.
Vediamo insieme cosa vedere a Cisternino, cosa fare e i piatti tipici che devi assolutamente assaggiare.
Buona lettura!

Cisternino: cosa vedere in un giorno

Piazza Garibaldi

Piazza-Garibaldi,-Cisternino

Piazza Garibaldi, Cisternino

La mia visita di Cisternino è cominciata proprio da qui, da Piazza Garibaldi. Una piazza ampia dove da un lato è situata la Villa comunale e dall’altro la Torre Normanno-Sveva (detta Torre Grande) con la Porta Grande e la Chiesa Madre dedicata a San Nicola.

Panorama-da-Piazza-Garibaldi,-Cisternino

Panorama sulla Valle d’Itria, Piazza Garibaldi – Cisternino

La Torre Grande, con i suoi 18 metri di altezza, era la più imponente dell’antica cinta muraria e probabilmente usata come torre di vedetta. Infatti, è sul punto più alto del colle e guarda la Valle d’Itria.
Da questa piazza si può godere di uno scenario pazzesco sulla Valle d’Itria scorgendo i vari trulli che sbucano qua e là nel paesaggio bucolico.

Chiesa madre di San Nicola

Chiesa-di-San-Nicola,-Cisternino

Chiesa di San Nicola, Cisternino

Dopo aver ammirato lo splendido panorama sulla Valle d’Itria, prima di addentrarmi nel centro storico, non potevo non fare un salto nella Chiesa di San Nicola, la più importante di Cisternino.
La facciata in stile neoclassico è stata rimaneggiata nel corso dei secoli, l’interno è molto interessante con le alte ed eleganti colonne con capitelli in pietra e le cappelle sui lati, nonché le opere preziose che qui sono custodite.

Interno,-Chiesa-di-San-Nicola,-Madonna-in-pietra-Cisternino

Interno, Chiesa di San Nicola – Cisternino

Da vedere assolutamente il capolavoro più significativo situato lungo la navata destra, ovvero la “Madonna con bambino e offerenti” (detta anche la Madonna con cardellino) scolpita in pietra da Stefano di Putignano nel 1517 per Paolo Longo e suo fratello. Oltre alla Madonna con il bambino sono rappresentati in ginocchio – sui lati – i due committenti.

Centro storico di Cisternino

Centro-storico,-Cisternino

Centro storico, Cisternino

Sai perché durante un tour della Valle d’Itria non può mancare una tappa a Cisternino? Perché è uno dei borghi più affascinanti della zona, nonché inserito tra i Borghi più belli d’Italia.
Personalmente, credo mi abbia colpito anche più di Ostuni, e l’ho trovato addirittura più… bianco! Ho amato perdermi tra i vicoli e le piazzette candidi del centro storico sui quali spicca il rosso dei fiori disposti sapientemente sui balconi, sui muri o sulle scalinate. Capita anche di scorgere su alcune pareti e scale delle frasi sulla vita opera di personaggi famosi.

Puglia,-Cisternino---Centro-storico

Centro storico, Cisternino

Scalinate-del-centro-storico-di-Cisternino-Puglia

Centro storico, Cisternino

Ammirare le caratteristiche case addossate le une alle altre, unite da archi, ornate da balconi e intervallate da antiche scale… Cisternino è un vero e proprio gioiellino!
Credimi, non saprai quale angolo fotografare prima, perché ogni volta che svolterai in un vicolo ci sarà sempre una sorpresa ad attenderti.

Centro-storico-di-Cisternino

Via Santa Maria di Costantinopoli, Cisternino

Tips: non dimenticare di passare da Via Santa Maria di Costantinopoli dove si trova l’arco di Cisternino più bello. È una delle vie da immortalare assolutamente!

Piazza Vittorio Emanuele

Piazza-Vittorio-Emanuele,-Cisternino

Piazza Vittorio Emanuele, Cisternino

Mentre passeggiavo senza sosta tra le incantevoli vie del centro storico sono sbucata su questa piccola piazzetta, una delle cose da vedere a Cisternino.
Piazza Vittorio Emanuele è piccola ma molto animata dai tanti turisti che sono intenti a gustare un gelato (ci sono ottime gelaterie artigianali), dalla gente locale che sorseggia un aperitivo, dalle attività commerciali e di artigianato. È un punto di incontro e riferimento, dunque spesso affollata specialmente durante l’estate.
Sulla piazza domina la Torre dell’Orologio realizzata, in stile neoclassico, dai maestri Curri di Alberobello nel 1850.
Io in questa piazza ho mangiato un ottimo gelato ;-)

Cosa vedere a Cisternino, il “borgo che dondola”

Il-borgo-che-dondola-Cisternino

Il borgo che dondola, Cisternino

Come anticipato all’inizio, per l’estate 2021 Cisternino è stata abbellita da diverse installazioni, ovvero altalene a tema diverso.
Si tratta di un percorso da seguire composto da 12 tappe che parte da Piazza della Libertà.
Il significato riporta alla situazione altalenante che tutti noi stiamo vivendo a causa della pandemia Covid19: riaperture e chiusure, alti e bassi, hanno fatto riflettere i rappresentanti del comune di Cisternino sull’importanza di godere dei momenti di tranquillità.
L’altalena è l’elemento perfetto per riscoprire la spensieratezza dell’infanzia.

Altalena-Rino-Gaetano,-Cisternino-il-Borgo-che-dondola

Il borgo che dondola, Cisternino

Frida-Kahlo-Cisternino-Il-borgo-che-dondola

Il borgo che dondola, Cisternino

Le altalene sono una più bella dell’altra, sicuramente tra quelle che più mi hanno colpito c’è quella dedicata a Frida Kahlo, un’altra a Rino Gaetano dove potrai, tra l’altro, dondolare con le sue canzoni che riecheggiano in sottofondo nel silenzio di Cisternino. O ancora, quella dedicata alla Divina Commedia di Dante.
A me sono piaciute tantissimo, sono un’esplosione di colore nel biancore di Cisternino. Cosa abbellirà il borgo il prossimo anno? Visita Cisternino e lo scoprirai ;-)

Cosa mangiare a Cisternino: piatti tipici imperdibili

bombette cisternino

Bombette, Cisternino

Potevo concludere questo articolo sulle cose da vedere a Cisternino senza menzionare il suo ottimo cibo? E le bombette?
Chi viene a Cisternino lo fa anche per quello, si sa: dopo un bel tour della città, non c’è niente di meglio che sedersi in una trattoria tipica o macelleria con braceria e assaporare questi speciali involtini di carne golosissimi. Ma non solo.
Ci sono diverse macellerie in cui puoi scegliere, oltre alle bombette, qualsiasi tipo di carne fresca (testine di agnello, salsiccia, gnumeredd’) che viene cucinata sul momento. Che bontà!
Ovviamente ci sono anche altri piatti tipici da provare come le friselle con pomodori e olio extravergine, le fave con le cicorie, le orecchiette con le cime di rapa o al sugo con pecorino, taralli, panzerotti e tutti i piatti della cucina tradizionale pugliese.

Dove dormire a Cisternino



Booking.com

Cosa fare a Cisternino e dintorni: attività e tour guidati

Queste sono le cose da vedere a Cisternino e le prelibatezze da provare. Avrai notato che non ci sono monumentali chiese e antichi monumenti, perché la bellezza del borgo sta proprio nel suo centro storico.
Bisogna solo passeggiare e perdersi.
Buon viaggio!


Lucia Nuzzaci

Ciao sono Lucia, sociologa per formazione, copywriter e travel blogger dal 2017 per lavoro, fondatrice di souvenirdiviaggio.it per dare spazio e vita ai miei viaggi. Amo scrivere, parlare, leggere, viaggiare con mio marito e i miei due figli, fissare gli istanti di un viaggio in mille scatti.

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.