piacenza-cosa-vedere-in-un-giorno

Piacenza: cosa vedere in un giorno – Itinerario e mappa

Piacenza, in Emilia-Romagna, è una città che mi ha sorpreso. Forse non essendo particolarmente “famosa” quanto Rimini, Ravenna, Bologna e altre della regione si tende un po’ a snobbarla, e io stessa non avevo grandi aspettative nei suoi confronti. Tuttavia, ha tanto da offrire sia dal punto di vista culturale che gastronomico. In fondo siamo in Emilia, la patria del buon cibo conosciuto in tutto il mondo!
In poche ore si resta ammaliati dalla città grazie alle cupole affrescate nelle chiese dal Guercino e dal Pordenone, al Tondo di Botticelli e il fegato etrusco a Palazzo Farnese, alla GAM Ricci Oddi con capolavori di Boccioni, Marini e Fattori, fino ad arrivare all’Ecce Homo di Antonello da Messina nella Galleria Alberoni. Si può dire che Piacenza è bella fuori, ma lo è ancor più dentro!
Ecco allora cosa vedere a Piacenza in un giorno e l’itinerario a piedi con mappa che ho creato per te: prenditi un weekend o un giorno disponibile per visitare Piacenza e salva l’itinerario.
Buona lettura!

Cosa vedere a Piacenza in un giorno: itinerario a piedi con mappa

Piacenza è una città che si può esplorare tranquillamente a piedi. Dunque, questo è il mio itinerario fra le cose da vedere a Piacenza in un giorno a piedi.

Piacenza: cosa vedere in un giorno

Basilica di Santa Maria di Campagna

Basilica_di_Santa_Maria_di_Campagna-Piacenza

Basilica di Santa Maria di Campagna, Piacenza (Photo Credits Wikimedia Commons)

Cominciamo subito la visita di Piacenza con un capolavoro, ovvero la Basilica di Santa Maria di Campagna. Innanzitutto, sorge a ridosso dei resti delle mura di Piacenza in un posto molto significativo, in cui prima era situato un pozzo (ora chiuso) dove vi si gettarono martiri cristiani. Tra l’altro qui Papa Urbano diede l’ordine per la prima crociata in Terra Santa.
L’esterno della chiesa è molto sobrio e in stile rinascimentale, la sua costruzione fu affidata a Alessio Tramello, architetto piacentino. Niente lascia presagire gli splendidi interni che invece si palesano davanti agli occhi, ricchi di affreschi e decorazioni. Basta alzare gli occhi e si rimane abbagliati di fronte alla cupola affrescata dal Pordenone e completata da Bernardo Gatti, l’opera più preziosa.
Si possono però ammirare anche il bel dipinto dedicato a Sant’Agostino e la Cappella di Santa Caterina, sempre affrescata dal Pordenone. Da non perdere!

Orari: 7:00 – 12:00 e 15:30 – 19:00
Costi: €5,00
Valutazione: 4.6
Visualizza sulla mappa 

Piazza Cavalli

Palazzo-Gotico,-Piazza-Cavalli---Piacenza

Palazzo Gotico, Piazza Cavalli – Piacenza

Piazza Cavalli è il fulcro di Piacenza, uno dei luoghi di interesse da visitare. Il nome deriva dalle due grandi statue di cavalli in bronzo ai lati della piazza, che rappresentano Alessandro Farnese e suo figlio Ranuccio.
Su questa affascinante piazza si affacciano palazzi come il Palazzo Gotico, voluto da Alberto Scoto come luogo del potere politico. Il piano superiore è fatto in laterizi, decorato da merli ghibellini ed enormi polifore, l’arioso porticato in basso in marmo rosso di Verona.
Il Collegio dei Mercanti e, di fronte, il lungo e neoclassico Palazzo del Governatore, molto elegante. Non potrai fare a meno di notarlo per la sua lunghezza!
Un passaggio da questa piazza è d’obbligo.

Valutazione: 4.5
Visualizza sulla mappa 

Musei Civici di Palazzo Farnese

Palazzo-Farnese-Piacenza

Palazzo Farnese, Piacenza

I Musei Civici si trovano a Palazzo Farnese, eccellenza dell’architettura rinascimentale del Cinquecento, e sono un vero scrigno di tesori. Meritano una visita!
Il museo è diviso in diverse sezioni e sono:

  • Museo delle Carrozze, che detiene una prestigiosa varietà e ricchezza di pezzi.
  • Fasti Farnesiani, dove si possono vedere delle tele autocelebrative in cui si esalta la casata dei Farnese.
  • Pinacoteca, che raccoglie dipinti dal XIV secolo al XIX secolo, dove spicca il Tondo della Madonna con Bambino opera di Botticelli.
  • Affreschi medievali, con affreschi tardo-medievali provenienti da chiese piacentine e dintorni.
  • Museo Archeologico, in cui sono esposti ritrovamenti preistorici e non, nonché il famoso Fegato Etrusco, un modello in bronzo del fegato di una pecora.
  • Armi, una collezione di circa 400 pezzi fra armature, spade, pugnali e altre armi da attacco e da difesa.
  • Sculture, vetri e ceramiche, un’esposizione di pregevoli sculture romaniche, statue e altorilievi della scuola piacentina, ma anche ceramiche e vetri in cui si evincono le varie tecniche di lavorazione.
  • Museo del Risorgimento, raccoglie documenti, immagini, armi e cimeli risalenti in gran parte agli anni 1848-’49 e 1859-‘61.

Un museo ricco di tesori, da vedere assolutamente!

Orari: martedì, mercoledì, giovedì 10:00 – 13:00 e 15:00 -18:00 / Venerdì, sabato, domenica 10:00 – 18:00
Costi: €8,00 per tutte le sezioni / €3,00 una sezione
Valutazione: 4.5
Visualizza sulla mappa

Duomo di Piacenza

Cattedrale-di-Piacenza

Cattedrale di Piacenza

Torniamo in centro, perché tra le cose da vedere a Piacenza non può mancare il duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta e Santa Giustina.
Edificata nel 1122 in stile romanico, è il principale edificio religioso della città. La facciata esterna a campana colpisce per il doppio colore della facciata, marmo rosa e pietra arenaria, la torre campanaria di 72,5 metri sul lato sinistro e i tre portali che introducono all’interno.

Interno,-Cattedrale-di-Piacenza

Interno, Cattedrale di Piacenza

Un interno che mi ha affascinata molto con la sua ampiezza, le alte colonne e soprattutto i grandi capolavori ospitati.
Da ricordare l’antica fonte battesimale del V secolo, la cripta medievale con le reliquie di Santa Giustina, i meravigliosi affreschi sul soffitto fra i quali la cupola affrescata dal Guercino, gioiello più prezioso del duomo.
C’è anche un museo annesso in cui si possono osservare diverse opere, come il Libro del Maestro, testo chiave della liturgia piacentina risalente al XII secolo con consigli e nozioni su varie materie, un dipinto di Guido Reni, la Sala Multimediale.

L’unico modo per vedere la cupola è quello di acquistare il biglietto e salire in alto, attraverso strettoie e scale a chiocciola. Nel prezzo è compreso il museo e il campanile, dal quale ammirare i tetti di Piacenza.

Orari: Cattedrale 7:30 – 12:30 e 15:30 – 19:30 / Museo e Cupola 15:00 – 18:00 (Lunedì chiuso)
Costi: Cattedrale Gratuito / Museo €6,00 / Cupola €10,00 / Museo + Cupola €12,00 / Per la cupola l’accesso nei giorni feriali è su prenotazione, sabato e domenica chiude alle 17:00
Valutazione: 4.5
Visualizza sulla mappa 

♥ Scopri cosa mangiare a Piacenza e  tutti i piatti tipici piacentini!

Basilica di Sant’Antonino

Basilica-di-Sant'Antonino,-Piacenza

Basilica di Sant’Antonino, Piacenza

A circa 500 metri dalla cattedrale troviamo la Basilica di Sant’Antonino, la prossima tappa del mio itinerario di Piacenza.
Una chiesa antichissima dalla forma particolare, che colpisce già dall’esterno con il suo stile gotico, l’arioso atrio che precede uno dei due portoni di ingresso e la grossa torre campanaria a forma ottagonale.
All’interno sono custodite le spoglie del Santo Patrono. Da vedere è soprattutto la volta affrescata da Camillo Gavasetti, pittore di Modena; poi altre tele sulle pareti, cappelle con affreschi e opere impreziosiscono la basilica.
C’è inoltre uno spazio dedicato al museo capitolare della basilica di Sant’Antonino, dove sono conservati, tra gli altri, un crocifisso barocco molto amato dai piacentini e altre importanti opere.

Orari: lunedì – sabato 8:00 – 12:00 e 16:00 – 18:30 / Domenica 9:00 – 12:30 e 20:00 – 21:30
Costi: gratuito
Valutazione: 4.6
Visualizza sulla mappa

Teatro Municipale

Teatro-Municipale-di-Piacenza

Teatro Municipale, Piacenza

A pochi passi dalla Basilica di Sant’Antonino sorge l’elegante Teatro Municipale, una tappa consigliata considerando che ci troviamo di fronte a uno dei più bei teatri italiani e uno dei teatri storici più antichi al mondo.
Il teatro, in stile neoclassico, risale al 1803 ed è opera dell’architetto Lotario Tomba; successivamente è stato ricostruito dallo scenografo del Teatro alla Scala di Milano Alessandro Sanquirico.
L’interno è arricchito da dipinti, intagli, bassorilievi, preziose vetrate e decorazioni lignee dorate. Attualmente ospita una rassegna di opere liriche, balletti e rappresentazioni teatrali.

Orari e costi: viene aperto alle visite guidate su prenotazione e in alcune occasioni. Altrimenti, si può assistere ad uno spettacolo.
Valutazione: 4.6
Visualizza sulla mappa

Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi

La GAM Ricci Oddi è stata fondata proprio dal collezionista Ricci Oddi verso la fine del 1800 e raccoglie le opere che egli stesso ha donato alla città.
Si tratta di 400 opere risalenti al periodo tra l’Ottocento e il Novecento, tra le quali spiccano capolavori di celebri artisti quali “Ritratto d’uomo” di Francesco Hayez, “La partenza del coscritto” di Girolamo Induno e molti altri di Boccioni, Fattori, Pellizza da Volpedo, Carrà, Klimt con “Ritratto di Signora”, prima rubato nel 1997 e poi ritrovato nel 2019.
Questa è una tappa imperdibile per gli amanti dell’arte!

Orari: martedì, mercoledì e giovedì 9:30 – 13:00 / Venerdì, sabato e domenica 9:30 – 13:00 e 15:00 – 18:00
Costi: €9,00
Valutazione: 4.5
Visualizza sulla mappa 

Galleria Alberoni

Chiudo la lista delle cose da vedere a Piacenza in un giorno con un altro museo, perché come avrai capito l’arte domina Piacenza: la Galleria Alberoni.
Devo precisare però che questa galleria è l’unica un po’ lontana dal centro. Dal duomo dista circa 3,5 km, quindi bisogna raggiungerla con un mezzo se non sei un grande camminatore o non hai molto tempo a disposizione.
Situata all’interno del collegio omonimo, vanta una ricca collezione di dipinti, oggetti di arredo sacro e pregiati arazzi. Tuttavia, il dipinto più prezioso che da solo vale la visita è l’Ecce Homo di Antonello da Messina, ospitato in una sala in cui l’atmosfera accentua ancor di più la sua drammaticità.

Orari: domenica 15:30 – 18:00 / Alle 16:00 si tiene la visita guidata / Bisogna contattare direttamente la galleria per info su orari, prenotazioni ed eventuali aperture straordinarie a questi contatti +39.0523 322635 – +39.349 4575709 – +39.392 1530734
[email protected]
Costi: €4,50 intero / €6,00 con visita guidata delle 16:00 Indispensabile per vedere l’Ecce Homo di Antonello da Messina, la biblioteca, i dipinti più antichi, le architetture del collegio e la sezione scientifica.
Valutazione: 4.5
Visualizza sulla mappa 

Dove dormire a Piacenza 



Booking.com


Questo è il mio itinerario con le cose da vedere a Piacenza in un giorno. È chiaro che se si vuole visitare tutto con calma serve almeno un weekend, ma la scelta delle attrazioni alle quali dare priorità rimane sempre personale.
Se hai qualcosa da chiedere o vuoi solo lasciare la tua opinione puoi farlo nei commenti, rispondo sempre 😉

2 Comments

  1. roberta 19/02/2024

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.