La cucina piemontese: ecco i piatti tipici di Torino

i piatti tipici di torino

I piatti tipici di Torino sono ricchi di ingredienti e particolarmente elaborati. La varietà di pietanze che la cucina tradizionale piemontese offre al mondo, è dovuta al fatto che la più umile tradizione contadina è stata arricchita di sapori ed ingredienti più nobili, nel tempo in cui la famiglia reale dei Savoia si è stabilita in città.
Gli ingredienti raffinati più utilizzati sono il cioccolato, le nocciole, il marsala (per lo zabaione), tartufo e soprattutto la carne. È famosa quella di fassone, protagonista di molti gustosi piatti.
Essendo ormai torinese di adozione ho assaggiato molti piatti tipici di Torino (città alla quale quale ho dedicato un articolo con itinerari e attrazioni da non perdere): ho preparato una rassegna di quelli che dovresti assaggiare, magari in una delle tipiche e rinomate osterie piemontesi.

Vitello tonnato

Il vitel tonnè, come anche chiamato, è un piatto della tradizione torinese molto delicato e servito freddo. Rispetto alla ricetta diffusa ormai un po’ ovunque, quella piemontese prevede che sia preparato con uno speciale taglio di carne di fassone marinato nel vino bianco e aromi, poi bollito e tagliato a fettine sottili. Le fettine sono disposte nel piatto e ricoperte con una salsa tonnata (composta da maionese, capperi, tonno e altre spezie).
È davvero un gustoso antipasto, ma è servito spesso come secondo piatto. E’ perfetto per essere trasportato fuori casa, magari per un pranzo in una gita fuoriporta o durante il lavoro.

vitello tonnato-piatti tipici di torino
Vitello tonnato

Tomini

Con i tomini rimaniamo negli antipasti ed anche negli stuzzichini tipici dei famosi apericena torinesi.
Sono dei piccoli formaggi freschi cremosi di latte vaccino (o misto) conditi con salse di vari gusti. Famosi i tomini elettrici con il peperoncino… per un piccante stuzzichino 😉
Ci sono poi i tomini un po’ più grandi e schiacciati (detti toma) cremosi all’interno e con una crosta esterna che, se sei goloso o ami il formaggio filante, sono perfetti da fare alla piastra magari avvolti nella pancetta: una goduria per occhi e palato!

Agnolotti

Tra i piatti tipici di Torino troviamo certamente gli agnolotti piemontesi, una gustosa pasta ripiena dall’origine incerta: tradizione popolare vuole che la loro creazione sia dovuta ad un’idea del cuoco Angiolino (detto Angelot) che formulò la ricetta.
Il ripieno è racchiuso in un ritaglio di pasta a forma quadrata, ma l’agnolotto piemontese si distingue dalle altre specialità di pasta ripiena per l’utilizzo di carne arrosto. È un primo piatto saporito e sostanzioso!

agnolottidelpli-piatti tipici di torino
Agnolotti del plin

Inoltre, famosi sono gli agnolotti del plin, piccoli e dalla forma rettangolare, che sono protagonisti di quattro ricette tradizionali: conditi con sugo di carne arrosto, con burro e salvia o ragù di carne alla piemontese, o fatti in brodo di carne.
Una curiosità che riguarda gli agnolotti è che si utilizzano, sovente, gli avanzi di arrosto (poi tritati e mescolati con altri ingredienti) per il ripieno, quindi non c’è dietro in realtà una rigorosa ricetta. Si usava ciò che c’era a disposizione, coerentemente con la tradizione contadina che prevede di evitare ogni spreco.

Tajarin

Tra i piatti tipici di Torino troviamo ancora un altro primo, i tagliolini (o taglierini): una varietà di pasta all’uovo simile alle tagliatelle, ma con una larghezza di di circa 2-3 mm. La lunghezza è invece comparabile agli spaghetti, con uno spessore inferiore al millimetro. Di solito, nei ristoranti tipici torinesi è una pasta che si trova fresca e che si sposa bene con sughi leggeri, pesce, condimenti delicati. E’ davvero un piatto delicato e leggero!

tajarinpiemontese-piatti tipici di torino
Tajarin burro e salvia

Bagna Cauda

La Bagna Cauda è un piatto tipico di Torino, soprattutto da consumare in autunno e inverno.
Il gusto è molto particolare, non a tutti piace, ma è la pietanza che rappresenta meglio la cucina piemontese. E’ praticamente una salsa a base di aglio, olio e acciughe dalla lunga preparazione.
In antichità veniva preparata per ricompensare i vendemmiatori dal lavoro. E, al tempo dei nostri nonni, veniva portata a tavola nel dian (un tegame di terracotta) dal quale accingevano tutti i commensali divenendo un vero e proprio rito di condivisione.
Generalmente si accosta con vari tipi di verdure di stagione, accompagnata da un vino rosso corposo come ad esempio un Barbera o Nebbiolo.

bagnacauda-cucina tradizionale piemontese
Bagna cauda

Bônèt

Passiamo ai dolci, e quindi come non citare il bônèt, un budino di antichissima tradizione piemontese. Il bônèt viene servito rigorosamente freddo ed è preparato con amaretti, cacao, latte, uova, rum e ricoperto di caramello: insomma, un dessert gustoso e tanto sostanzioso!
Anticamente, veniva fatto in casa dalle nonne a base di Fernet, poiché quest’ultimo facilita la digestione. E’ perfetto da servire come ciliegina sulla torta dopo un pranzo ricco, magari sulla tavola imbandita in occasione di festa.

Bicerin

Il Bicerin è una bevanda storica composta da caffè, cioccolato e crema di latte, che veniva servita anticamente in grandi bicchieri tondeggianti.
Si pensa che l’origine sia dovuta allo storico locale torinese Caffè Al Bicerin che ne conserva gelosamente la tradizionale ricetta, tuttavia si trova nelle migliori caffetterie di Torino, sempre in versioni lievemente differenti nelle dosi.
Si narra che Camillo Benso Conte di Cavour, Pablo Picasso, Alexandre Dumas, Ernest Hemingway e Umberto Eco furono grandi estimatori del Bicerin.
Ottimo bevuto liscio, con ghiaccio, con il caffè o anche versato sui dolci e sul gelato. Tradizionalmente viene riscaldato e servito con caffè e panna.
Il Bicerin non va assolutamente confuso con il liquore omonimo che, seppur buono, è prodotto con altri ingredienti, tra cui la crema di Gianduia.

Bicerin-piatti tipici di torino
Bicerin

Gianduiotto

Il gianduiotto è il dolce per eccellenza, quindi sicuramente annoverabile tra i piatti tipici di Torino, anche se non è un vero e proprio piatto non lo è. E’ un cioccolatino a base di gianduia a forma di barca rovesciata, avvolto spesso in un’elegante carta dorata.
Si ottiene impastando il cacao e lo zucchero con la celebre nocciola tonda del Piemonte, varietà IGP, rinomata per la sua elevata qualità.
La gianduia, oltre che per la preparazione dei gianduiotti, si gusta in tavolette, in crema spalmabile, in tazza o magari come goloso ripieno di altre preparazioni dolciarie.

gianduiotto-piatti tipici del piemonte
Gianduiotto torinese

Questi che ho elencato sono alcuni dei piatti tipici di Turin, ma ce ne sono davvero tanti altri! Vorrei concedere un po’ di spazio anche ad un prodotto poco considerato, ma che a Torino invece è un protagonista assoluto: il grissino.
Leggeri, friabili e rigorosamente stirati a mano, i grissini torinesi sono un ottimo spuntino e vengono spesso serviti nei ristoranti di Torino insieme al pane o come accompagnamento ai salumi.

E tu hai già provato qualcuno di questi piatti? Ti invito a gustarli in una delle tante piccole osterie, dove potrai apprezzare il calore familiare e il sapore della vera tradizione.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *