Visitare le Cinque Terre in un giorno: itinerario da Monterosso, consigli e info pratiche

Riomaggiore-cinque terre-visitare le 5 terre in un giorno

Cinque pittoreschi borghi affacciati sull’azzurro Mar Ligure: le Cinque Terre ti lasciano davvero senza fiato! Le abitazioni dai vivaci colori pastello, strette l’una all’altra, sembrano volersi arrampicare per raggiungere il cielo e si affacciano sullo spettacolare mare blu, che al mattino brilla baciato dall’alba e la sera dalle luci rosse del tramonto.
Tutti i paesini sono caratterizzati da ripide e strette viuzze: divertiti a passeggiare su queste strade che si intrecciano con antiche scalinate, come in un labirinto, e dove dietro ogni angolo c’è sempre una piacevole sorpresa.
Sognavo da molto tempo di visitarle e, per i miei 30 anni in aprile, ho ricevuto questo regalo inaspettato da mio marito: un weekend in Liguria tra Genova, Rapallo (dove ho pernottato), le Cinque Terre e Portofino.
In questo articolo racconterò proprio di come visitare le Cinque Terre in un giorno, in particolare come arrivare, muoversi, cosa vedere e tanto altro.
La premessa del mio viaggio è doverosa perchè, alloggiando a Rapallo, ho raggiunto le 5 Terre in treno da Sestri Levante, lasciando la macchina vicino la stazione. Certamente spostarsi con il treno è la soluzione ottimale, dato che i tempi di percorrenza tra un borgo e l’altro vanno da due a un massimo di cinque minuti. Invece, fortemente sconsigliato è l’uso dell’auto.
Troverai nel corso dell’articolo tutti i suggerimenti e info pratiche per pianificare al meglio il tuo viaggio.

Percorso per visitare le Cinque Terre in un giorno in treno

itinerario per visitare le 5 terre in un giorno

Per visitare le Cinque Terre in un giorno sono arrivata a Monterosso in treno partendo dalla stazione di Sestri Levante. Sempre in treno ho raggiunto poi Vernazza: da qui ho preso il battello per Riomaggiore, la più orientale delle 5 Terre, per poter ammirare tutto il panorama dal mare.
Da Riomaggiore sono tornata indietro verso Manarola e poi Corniglia, che è l’unico borgo dei cinque a non avere accesso diretto sul mare, perché situato su un promontorio.
Tieni presente che le stazioni ferroviarie di Riomaggiore, Vernazza, Manarola e Monterosso si trovano in pieno centro, mentre a Corniglia è in periferia, quindi per raggiungere il centro abitato bisogna prendere il bus navetta subito fuori dalla stazione (gratuito con la 5 Terre Card di cui parlerò più avanti), oppure percorrere una lunga scalinata.
Ritengo che il mio sia stato un percorso veramente azzeccato e speciale, te lo consiglio, anche grazie al favoloso fuori programma della mini crociera sul mar ligure.

Le Cinque Terre: cosa vedere

Monterosso al Mare

monterosso - 5 terre
Monterosso, Cinque Terre – Liguria

Monterosso è il più antico e grande borgo delle 5 Terre. Appena fuori dalla stazione ti ritrovi davanti ad un veduta da togliere il fiato: una meravigliosa spiaggia, la più grande di tutta la costa, ristorantini sulla scogliera e un mare turchese su cui il sole luccica creando effetti bellissimi.
Il suo aspetto colpisce per il contrasto tra il borgo vecchio e il nuovo: il primo fatto di chiese medievali, viuzze e caratteristici caruggi, il secondo con gli stabilimenti balneari e la statua del Gigante, scultura in cemento e ferro alta 14 metri, che troneggia sulla spiaggia di Fegina.
Da non perdere a Monterosso la Chiesa di San Giovanni Battista, esempio di gotico ligure, la ottocentesca Villa Montale, l’Eremo di Sant’Antonio del Mesco e il Santuario di Nostra Signora di Soviore, due importanti edifici religiosi.

statua san francesco - monterosso
Statua San Francesco, Monterosso

Se vuoi goderti una vista veramente da cartolina di tutta la costa, passa dal tunnel che porta al centro storico di Monterosso, prendi la salita a sinistra e, percorrendo le scale, giungerai alla statua bronzea di San Francesco e il Lupo.
A Monterosso ho deciso di pranzare in uno dei tanti ristoranti del centro storico, esattamente “Il Moretto”, gustando i più celebri piatti della cucina ligure: provato e consigliato! 😉

Vernazza

vernazza - 5 terre
Vernazza, Cinque Terre – Liguria

Vernazza è una terrazza veramente affascinante. A mio modesto parere, è il più bel borgo insieme a Riomaggiore.
Il suo caratteristico porticciolo, la piazzetta, la spiaggetta a forma di mezzaluna con le particolari barchette dei pescatori: ti assicuro che la ricordo come fosse ieri!
Di fronte al porto ammira la Chiesa di Santa Margherita di Antiochia, in stile gotico ligure, e non perdere il Castello Doria, da cui si ammira una splendida veduta.

Da Vernazza a Riomaggiore in battello

riomaggiore - 5 terre
Riomaggiore, 5 terre – Liguria

Come anticipato, a Vernazza mi sono concessa un fuori programma, decidendo di prendere il battello per fare una mini crociera verso Riomaggiore. Il biglietto è costato poco meno di € 10,00 non essendo una navigazione delle Cinque Terre completa, che chiaramente ha un costo maggiore.
L’esperienza è molto interessante, perchè riesci ad ammirare tutta la costa con le 5 Terre in un colpo d’occhio.
Da Riomaggiore puoi percorrere la famosa Via dell’Amore a 50 metri a picco sul mare che, in circa 30 minuti, porta a Manarola. Regalati questa esperienza, magari mano nella mano, con la tua metà!
Tra i monumenti, invece, non perdere la Chiesa di San Giovanni Battista, il Castello di Cerricò e il Santuario di Nostra Signora di Montenero, che si raggiunge percorrendo dei sentieri, poichè situata su una collina. Da qui, nelle giornate limpide, è possibile intravedere il profilo della Corsica.

Manarola

manarola - cinque terre
Manarola, Cinque Terre – Liguria

Manarola è molto simile esteticamente a Riomaggiore, ma come tutti gli altri borghi ha una sua identità e dei balconi panoramici unici.
I punti dai quali si può godere di vedute indimenticabili qui sono tanti, come Piazza Castello e Piazzetta De André, o ancora Punta Bonfiglio.
In centro scoprirai tantissimi negozietti di souvenir, locali e piazze come quella della Chiesa, dove trovi insieme la Chiesa di San Lorenzo risalente al 1500, la Torre Campanaria, il Lazzaretto di San Rocco (che servì in passato da ospedale) e l’Oratorio dei Disciplinati della SS. Annunziata.
Manarola, per la sua posizione e scenario suggestivo offerto, è stata scelta per ospitare ogni Natale il presepe fatto di sole luci, da cui si intravedono enormi figure a grandezza d’uomo, sistemate sui vigneti terrazzati che dominano il borgo. Spettacolare!

Corniglia

corniglia-visitare le 5 terre in un giorno
Corniglia, 5 terre – Liguria

Da Manarola si arriva in 3 minuti a Corniglia, la più piccola delle Cinque Terre e l’unica a non avere accesso diretto al mare, essendo su un promontorio.
Come detto all’inizio, la stazione è in periferia e per raggiungere il piccolo centro bisogna prendere una navetta oppure intraprendere una storica scala di quasi 400 gradini, chiamata Lardariana, che collega la stazione alla Chiesa di San Pietro. Non perdere questo edificio realizzato in stile gotico genovese, con una facciata impreziosita da un rosone in marmo di Carrara.
La struttura urbanistica di Corniglia presenta peculiarità diverse rispetto a quelle delle altre 4 terre: le case sono più basse, simili a quelle dei borghi dell’entroterra. Il centro abitato si sviluppa lungo la strada principale, Via Fieschi, dove le abitazioni da un lato si affacciano su di essa e dall’altro guardano il mare.
Questo è il borgo più tranquillo e meno affollato di turisti, ed anche qui non mancano di certo i punti panoramici.
Ricordo la piazzetta del Fosso, da cui si scorge la parte orientale delle Cinque Terre, in particolare Manarola e la terrazza di Santa Maria. Si trova al termine di Via Fieschi, a circa 90 m di altitudine e la vista spazia su tutte e 5 le terre.

Consigli e info pratiche per visitare le Cinque Terre in un giorno

Come arrivare alle Cinque Terre e come muoversi

Il miglior mezzo per arrivare e visitare le Cinque Terre è il treno, poiché è comodo e le corse sono frequenti. Con la Cinque Terre Treno MS Card potrai, ad un prezzo veramente vantaggioso (1 giorno € 16,00 / 2 giorni € 29,00 / 3 giorni € 41,00), salire e scendere tutte le volte che vuoi dai treni Regionali Trenitalia sulla tratta Levanto – Cinque Terre – La Spezia e viceversa. Questa Card include tutte i vantaggi della versione base, Cinque Terre Trekking Card, che ti permette di accedere a sconti, bus, ingressi ed altre attività gratuite (Scarica la mappa de sentieri trekking 5 terre).
In alternativa, puoi:

  • viaggiare con una tariffa ordinaria (es. da Sestri Levante a Monterosso € 6,00);
  • spostarti da un borgo all’altro con il biglietto 5 Terre Express, utilizzabile su speciali treni (frequenza 30 minuti), che circolano solo tra le cinque terre da metà marzo ad ottobre. I prezzi vanno da 4€ per gli adulti e 2€ per i ragazzi dai 4 ai 12 anni.

Dove parcheggiare alle Cinque Terre?

visitare le cinque terre in un giorno - monterosso
Monterosso – Liguria

Se arrivi in auto, ci sono aree parcheggio presso i borghi, la più grande è quella di Monterosso, spesso con tariffe care.
Consiglio vivamente di lasciare l’auto a La Spezia, Levanto o Sestri Levante e poi proseguire in treno. Puoi trovare parcheggio, a volte anche gratuito, vicino le stazioni ferroviarie e vie limitrofe.
Il fatto che le strade dei borghi siano strette, ripide e con molte curve, gli spazi per il parcheggio limitati e sempre al di fuori dei centri abitati, rendono quasi faticoso l’uso dell’auto. Pensa che neanche gli stessi residenti possono accedere nel centro abitato!

Dove alloggiare per visitare le Cinque Terre

visitare le cinque terre in un giorno-itinerario

Il mio itinerario delle Cinque Terre è stato fatto in giornata, perché era tappa di un weekend più lungo in Liguria, in cui ho soggiornato a Rapallo. Per vederle al meglio si ha bisogno di almeno 2 giorni, dedicando il giusto tempo ad ogni borgo.
Il consiglio è di alloggiare a La Spezia, Levanto o Sestri Levante. Qui troverete diverse offerte e buoni hotel con un conveniente rapporto qualità/prezzo.
Si può dormire, a prezzi più alti, anche in hotel o b&b in una delle Cinque Terre: Monterosso è quello più grande e con maggiore scelta.

Quando andare alle Cinque Terre

porticciolo vernazza - 5 terre

Da aprile a settembre è il periodo climaticamente migliore per godere dell’atmosfera del Parco Nazionale delle Cinque Terre, tuttavia bisogna prendere in considerazione l’elevato flusso turistico nei mesi centrali e nel periodo Pasquale.
Visitandole a metà aprile, io ho trovato una temperatura piacevole ed una scarsa folla, condizioni ideali per godersi i borghi e la pace lungo i sentieri. Quindi suggerisco il periodo da marzo a maggio, o magari fine settembre e ottobre.

Non mi resta che augurarti Buon Viaggio!

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *