sacile-cosa-vedere-friuli

Sacile: cosa vedere nel Giardino della Serenissima

Sacile è una città friulana in provincia di Pordenone situata al confine con il Veneto. Per i suoi canali, lo stile veneziano e il suo passato è chiamata il Giardino della Serenissima. Effettivamente qualche scorcio un po’ la ricorda!
Il legname per costruire le gondole veniva portato a Venezia proprio da Sacile, così come tutte le merci destinate al Nord Europa: il commercio fluviale ha reso Sacile un centro molto trafficato in passato.
La città è piccola e quindi si visita facilmente con una gita fuori porta o in un pomeriggio. Io l’ho visitata in 3-4 ore circa e l’ho trovata interessante, con dei bei panorami offerti specialmente dal centro storico, che si sviluppa su due isole bagnate dal fiume Livenza.
Scopriamo insieme cosa vedere a Sacile e le sue attrazioni più importanti.
Buona lettura!

Sacile: cosa vedere in poche ore o in un giorno

Ponte sul Livenza

Ponte-sul-Livenza,-Sacile

Ponte sul Livenza, Sacile

Questa è la tipica cartolina da Sacile: il panorama del Ponte sul Livenza, con il fiume, gli alberi che si riflettono su di esso e il campanile del duomo che svetta. Uno scatto qui non può mancare!
Si tratta di uno dei punti di Sacile più conosciuti e popolati, dove ci sono bar e attività commerciali varie. Un luogo d’incontro e un buon punto di partenza per esplorare la città.

Piazza del Popolo

Piazza-del-Popolo,-Sacile

Piazza del Popolo, Sacile

Basta fare qualche metro in avanti e ci si ritrova davanti a Piazza del Popolo, il fulcro di Sacile. Con tutti i palazzi colorati a tre piani e la forma circolare è un bel colpo d’occhio!
Questo era anche il luogo in cui arrivavano i battelli, dunque piazza di carico e scarico.
Sulla piazza si affacciano diversi bar, ristoranti e palazzi dei primi anni del Seicento in stile veneziano.
Molto bello è Palazzo Panca, un gioiello gotico che conserva, sotto i portici, affreschi raffiguranti una Madonna con Bambino e una Madonna china con velo nero e San Sebastiano.
Interessante sul lato opposto della piazza Palazzo Fabio-De Zanchis, con un’elegante quadrifora e i resti sulla sottogronda di un affresco a soggetto mitologico.
Si può dire che Piazza del Popolo è passata dall’essere un porto fluviale a elegante salotto della città di Sacile!

Santa Maria della Pietà

Chiesa-di-Santa-Maria-della-Pieta,-Sacile

Chiesa di Santa Maria della Pietà, Sacile

Proseguendo verso il duomo si incontra un santuario particolare affacciato sul fiume, ovvero Santa Maria di Pietà. Un bel luogo in cui si possono fare scatti fotografici molto affascinanti!
Questa chiesetta è legata alla fede della comunità di Sacile, perché costruita in seguito ad eventi miracolosi verificatisi nel 1609.
È stata oggetto di rifacimenti nel corso dei secoli ed oggi si presenta con un suggestivo porticato d’ingresso che guarda dall’altro l’acque del fiume che scorre.

Santa-Maria-della-Pietà,-porticato---Sacile

Vista dal porticato, Chiesa di Santa Maria della Pietà – Sacile

All’interno l’opera più importante da vedere è la miracolosa statua della Madonna della Pietà costruita in gesso e sabbia. Attualmente appare di colore giallastro, ma dalle tracce trovate su di essa pare dovesse essere interamente dipinta.
Insomma, un luogo dove soffermarsi e che consiglio di vedere sicuramente!

Duomo di San Nicolò

Duomo-e-campanile-di-San-Nicolò,-Sacile

Duomo di San Nicolò, Sacile

Un’altra delle cose da vedere a Sacile è senza dubbio il Duomo di San Nicolò, una chiesa che ho trovato solenne.
La facciata è rinascimentale con un bel portale bronzeo e, soprattutto, l’alto campanile (52 metri) che svetta sulla piazza omonima.
Il terreno sabbioso e i frequenti terremoti l’hanno un po’ inclinato, ma rimane uno dei simboli di Sacile che, come detto all’inizio, è protagonista insieme al fiume Livenza di una delle più belle cartoline della città.

Interno-duomo-di-San-Nicolò,-Sacile

Interno, Duomo di San Nicolò – Sacile

L’interno del duomo è spazioso, separato da arcate gotiche, e lungo le navate si possono ammirare alcune preziose pale d’altare.
La parte che colpisce di più è il presbiterio con i suoi splendidi affreschi, nel quale si accede attraverso un maestoso arco trionfale anch’esso affrescato.
Facci un salto, ti sorprenderà piacevolmente 😉

Palazzo Ragazzoni

Cortile-interno,-Palazzo-Ragazzoni-Sacile

Cortile, Palazzo Ragazzoni – Sacile

La visita tra le attrazioni di Sacile prosegue con Palazzo Ragazzoni, un altro simbolo della città friulana. Si tratta di un edificio che rappresenta i fasti del Cinquecento e il legame con la Serenissima Repubblica.
Questo lussuoso palazzo fu riqualificato proprio dalla famiglia Ragazzoni, armatori e mercanti di Venezia.
Ad oggi si possono vedere le sue eleganti facciate con fregi e il cortile d’onore con dodici statue della scuola di Alessandro Vittoria.
All’interno invece sono conservati affreschi cinquecenteschi, una cappella privata ricca di decorazioni, il fastoso Salone d’onore e altre meravigliose sale.
Qui sono stati ospitati persino papa Pio VI e Napoleone Bonaparte!
L’edificio appartiene al Comune che tiene i Consigli comunali e viene utilizzato anche per eventi culturali e turistici.

Mura e torrioni

Torrione-Sacile

Torrione di San Rocco, Sacile

A Sacile si possono vedere alcuni resti di quello che è stato il suo sistema difensivo, costituito da robuste mura, torrioni e porte.
In passato Sacile aveva una cinta muraria con cinque torrioni, di questi oggi ne rimangono tre situati in centro città. Il più antico si trova alle spalle del duomo, gli altri più recenti sono quelli del Foro Boario e di San Rocco che hanno accanto anche dei tratti di mura.
Recentemente è stata creata una passeggiata esterna alle mura lungo il fiume Livenza, che prosegue con una passerella che costeggia il torrione giungendo fino al parco di Pra’ Castelvecchio… molto suggestiva!

Tempio di San Liberale

Tempio-di-San-LIberale,-Sacile

Tempio di San Liberale, Sacile

L’ultima cosa che ho visto a Sacile prima di andare via è il Tempio di San Liberale, una chiesa con una forma particolare che pare sia stata costruita come ringraziamento per un miracolo avvenuto.
La chiesa fu in passato danneggiata e nel 1926 demolita, venne ricostruita come la vediamo oggi sulla base di un progetto ispirato al famoso dipinto “Lo sposalizio della Vergine” di Raffaello.
L’esterno è d’impatto, mentre l’interno è piuttosto spoglio considerando che non erano state previste decorazioni. È completamente circolare e ospita, sull’altare maggiore, una teca con le spoglie del santo co-protettore della città, ovvero San Liberale. Da vedere!

Dove dormire a Sacile



Booking.com


Queste sono le principali cose da vedere a Sacile che, come avrai intuito, non sono tante ma comunque interessanti. Perfetta per trascorrere una rilassante domenica pomeriggio!
Conoscevi questa città? Vuoi chiedermi qualcosa al riguardo? Ti aspetto nei commenti!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.